Lecce-Barletta: le dichiarazioni di Lerda e Orlandi

0
378

PanchinaLecce – Al termine dell’immeritato 0-0 del Lecce l’ottimismo per i buoni segnali fatti vedere dalla prestazione ha fatto coppia con l’amaro in bocca per una vittoria che non è giunta in cassa per un nonnulla.

“Bravi dall’inizio alla fine”  L’allenatore Franco Lerda pone subito l’accento sulla prestazione positiva, una totale inversione rispetto agli scorsi match: “La nostra partita è stata buona dall’inizio fino alla fine, abbiamo creato 7-8 occasioni ma sfortuna, nostre imprecisioni e la bravura del portiere Liverani ci hanno impedito di vincere. Rimane il grande rammarico per non averla buttata dentro.”

L’allenatore di Fossano parla poi dei problemi di condizione che ancora tormentano la sua squadra: “La nostra condizione fisica è da migliorare, molti giocatori erano acciaccati. Miccoli non era al cento percento ma ha voluto stringere i denti ed anche Lopez soffriva di un fastidio ai flessori e l’ho dovuto spostare al centro sfruttando la spinta di un più fresco Nunzella”.

“Un punto strappato” – Di diverso stato d’animo è l’allenatore del Barletta Nevio Orlandi, felice per il punto strappato dai suoi ragazzi al “Via del Mare”: “Il risultato è positivo anche perché la posizione in classifica del Lecce è bugiarda, siamo stati una squadra anche se abbiamo il problema cronico del gol”.

Sulla sterilità offensiva Orlandi poi continua: “Dobbiamo migliorare la manovra e cercare di essere pericolosi, il cambio di modulo non è stato poi così importante perché ciò che conta è l’interpretazione che danno i ragazzi alle due fasi di gioco. Il nostro 4-3-3 di oggi in fase di non possesso ripiegava verso un 5-4-1 ed in attacco cercavamo un 3-4-3 grazie al lavoro degli esterni difensivi. I nostri attaccanti Picci, Cicerelli e D’Errico non vivono il miglior periodo di forma fisica.”

{loadposition addthis}

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce – Barletta: le pagelle
Next articleLa panchina