Futsal Lecce, col Francavilla un pari che va stretto

0
263

Futsal Lecce FrancavillaLecce – Nella partita di sabato 21 novembre i giallorossi sono di scena a Francavilla. I leccesi devono vedersela prima di tutto con la sfortuna, con la defezione all’ultimo minuto di De Carlo, colpito da un infortunio alla schiena; come se non bastasse il campo è all’aperto, il tempo non è clemente e il vento è forte.

I leccesi non sono affatto scoraggiati e anzi, proprio nelle difficoltà riescono a tirare fuori il meglio di sé, proponendo una buona gara, tanta concentrazione e dettando i ritmi di gioco nei confronti di una delle squadre migliori che i leccesi abbiano fin qui incontrato.

 La gara è molto equilibrata, i leccesi chiudono tutti gli spazi e colpiscono con importanti ripartenze, che per la prima frazione di gioco non fanno male ai padroni di casa, che colpiscono un palo e trovano un ispiratissimo Rametta a chiudere ogni speranza francavillese. Un guizzo di Musarò porterà gli ospiti in vantaggio di 1-0, allo scadere della prima frazione di gioco.

Il secondo tempo il Lecce dilaga con il gol su rigore di Bongermino e poi con quello di Dima. La gara si fa molto avvincente, con i padroni di casa che colpiscono altri due pali e i leccesi che avrebbero potuto arrotondare e forse chiudere il match se fosse stato concesso un sacrosanto fallo su Musarò, che avrebbe comportato anche l’espulsione del portiere. Ma in questo caso si può dire con tranquillità che l’arbitro è davvero umano e un errore, in una gara arbitrata tutto sommato in modo discreto può essere concesso.

Il direttore di gara ha saputo tenere in mano la partita, ammonendo immediatamente prima Bongermino, poi Marciante e non facendosi incantare da simulazioni grossolane messe in atto spesso dai padroni di casa, dimostrando di voler sin da subito non concedere spazio a furbizie o lamentele di alcun tipo. Proprio sul mancato 4-0, i padroni di casa si rifanno sotto approfittando di un errore in copertura giallorosso e di un Lecce ormai stremato che, sul meno uno dei padroni di casa, cerca solo di resistere e di far trascorrere il tempo. Ai fortunati padroni di casa basteranno gli ultimi 10 secondi di gara per giungere ad un insperato pareggio che, per quello che si è visto in campo è un risultato tutto sommato corretto, dimostrazione di due ottime squadre che stanno crescendo di gara in gara.

Il risultato forse va un po’ stretto al Lecce, che per ampi tratti di gara avrebbe meritato la vittoria, più per il livello di concentrazione dimostrato che non per le occasioni prodotte. Un pari che fa comunque sorridere e dimostra come i leccesi stiano maturando giorno dopo giorno e, in attesa dell’ultimo colpo di mercato, possono dire la propria in un campionato ancora molto equilibrato. Intanto la testa è già a sabato prossimo, quando i leccesi ospiteranno il Mesagne degli ex Urgese e Colucci. Una gara che si preannuncia ostica, sia per la carica emotiva che per l’avversario non certo da sottovalutare.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleConferenza sul Turismo a Porto Cesareo. Schito: “Ci ostacolano, ma andiamo avanti”. De Monte: “A me l’iniziativa non piace”
Next articleLa Costituzione Italiana in dialetto salentino: il 26 novembre Aldo D’Antico ne parla con Vincenzo Serratì, autore dell’opera edita da Congedo