Ascoli – Lecce: le probabili formazioni

0
412

ascoli lecce formazioniAscoli – Partita importante per entrambe le compagini al “Cino e Lillo Del Duca” con i bianconeri del Picchio che cercano una vittoria dalla doppia funzione: primo trionfo casalingo e riscatto dopo le penalizzazioni che hanno ridotto lo score sul campo dei ragazzi di Pergolizzi da 9 punti a 6. Dall’altra parte il Lecce di mister Lerda deve dare segnali forti al campionato ed alla sua risalita dopo la mancata vittoria del “Via del Mare” contro il Gubbio. I giallorossi sono in emergenza in attacco ma potranno contare su un Zigoni mattatore di Coppa Italia in settimana. La partita sarà diretta dal sig. Brasi di Seregno ed inizierà alle ore 14:30.

Ascoli: 18 convocati per Rosario Pergolizzi in previsione della sfida casalinga del “Cino e Lillo del Duca” dove l’Ascoli non è ancora riuscito a far bottino pieno. Mancherà per squalifica l’attaccante centrale Malatesta che sarà sostituito al centro dell’attacco da Mattias Vegnaduzzo; ai fianchi del bomber italo-argentino ci saranno il capocannoniere di squadra Pietro Tripoli a sinistra e Marcello Falzerano a destra, autore del gol del momentaneo vantaggio del Picchio in quel di Catanzaro nella scorsa giornata. A centrocampo la guida sarà sempre affidata al condottiero Manolo Pestrin, comandante di una mediana a tre che vedrà anche il contributo del 21enne Capece e di Schicchitano (leggermente favorito su Colomba che, nonostante la convocazione, ha patito una serie di guai fisici in settimana); più basse le quotazioni dell’inglese Mark Randall. La difesa, al di là della porta difesa dal neretino Russo, vedrà la coppia centrale Bianchi – Schiavino e gli esterni Di Gennaro e Giacomini rispettivamente a destra e sinistra. In panchina siederanno l’esperto 32enne Manuel Scalise, che fino all’ultimo cercherà di insidiare Di Gennaro, ed i giovani Rosania e Gandelli. 

Lecce: Molti dubbi per Franco Lerda in previsione della partita di Ascoli. L’allenatore piemontese ha un attacco da inventare a seguito delle assenze di Miccoli, Bellazzini e Beretta; il reparto avanzato poggerà probabilmente sulle spalle di Gianmarco Zigoni, rinvigorito dopo il gol di Coppa al “Puttilli” di Barletta; al fianco dell’ariete scuola Milan potrebbe trovar posto Abou Doumbia, nell’economia di un 3-4-1-2 che ruoterà molto sull’apporto che potrà dare il rientrante Mariano Bogliacino, schierato tra le linee di centrocampo ed attacco. Il reparto mediano dovrebbe poi essere completato sulle fasce da Lopez e D’Ambrosio (favorito su Bencivenga anche a causa dei risentimenti muscolari dell’ex Ternana) ed al centro da Papini (quasi sicuro del posto) e da Salvi che, nonostante il rendimento calante, è leggermente favorito su Amodio e Parfait. In difesa poi il solito trio Vinetot – Martinez – Diniz fungerà da scudo alla porta difesa da Marco Bleve che debutterà in trasferta a seguito dell’infortunio sofferto dal titolare Filippo Perucchini. Non è da escludere un ricorso al 4-2-3-1 con Bogliacino faro della trequarti insieme ai cursori Lopez e Ferreira Pinto (nel suo ruolo naturale) ed Amodio – Papini a far legna dietro sulla mediana; in tal caso il sacrificato in difesa per permettere la linea a quattro potrebbe essere Kevin Vinetot per far posto ad uno tra Rullo, Nunzella e Sales insieme a D’Ambrosio, Diniz e Martinez.

{loadposition addthis}

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSvicat, il Viterbo testerà le tue ambizioni
Next articleFinalmente Lecce: goleada a domicilio per l’Ascoli