Lecce, disabili e normodotati insieme in un progetto pilota

0
336

Presentato a Campoverde di San Cataldo il 1° Master Summer Multisport Camp for all Salento 2015

Presentazione Campus NormodotatiLecce – Al via il primo Master Summer Multisport Camp for all Salento 2015,  rivolto a tutti i ragazzi e le ragazze dai 10 ai 20 anni con disabilità mentali. Si tratta di un progetto-pilota. E’ la prima esperienza di questo tipo in Italia.

Il corso è destinato a tutti i ragazzi e le ragazze che vogliono praticare diverse discipline sportive, terrestri ed acquatiche, in un ambiente molto speciale e che intendono confrontarsi in un torneo abbinando il gioco ad una vacanza. 

Sono diciassette i ragazzi – provenienti anche dal Nord Italia – che si cimenteranno in diverse discipline sportive, a partire dal basket, sotto la mano esperta del professor Marco Calamai, ex giocatore della Nazionale di Basket, coach numero uno in Italia per l’insegnamento del basket ad handicap grazie ad un metodo altamente innovativo. Non a caso i ragazzi disabili verranno affiancati da coetanei  normodotati.

“E’ un progetto ambizioso – ha spiegato il professor Marco Calamaima se già vent’anni or sono lo definimmo ‘Over Limits’ figuriamoci oggi se possiamo permetterci di porci dei limiti. Certo, senza l’aiuto dei ragazzi e delle loro famiglie anche il nostro impegno non sarebbe sufficiente”. 

Dieci ragazzi sono stati ospitati grazie anche ad un contributo significativo erogato dal Comune di Lecce che ha creduto fortemente in questa iniziativa. “Anzitutto – ha spiegato oggi in conferenza stampa il sindaco Paolo Perroneperché chi pratica sport imparare ad amare la vita e poi perché far giocare ragazzi normodotati con i ragazzi meno fortunati di noi rappresenta un’incredibile esperienza. Ebbene, una comunità è matura soprattutto dalla sua capacità do riuscire a coinvolgere anche spicchi più periferici della stessa”.

“E’ un progetto che parla all’anima – ha sottolineato il vicesindaco e assessore ai Servizi Sociali, Carmen Tessitorecapace di far emergere il bisogno di inclusione sociale. E la famiglia, in questo senso, rappresenta un valore aggiunto”.

A partire dal prossimo anno, il progetto – coordinato da Sandro Laudisa – sarà esteso anche a quanti hanno disabilità motorie.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCerca lavoro e risponde ad un annuncio su internet, ma è una truffa
Next articleCessione U.S. Lecce: l’ora della svolta