AMP Porto Cesareo: siglato accordo per il “Diving Center”

0
257

Area marina protetta di Porto CesareoPorto Cesareo (Le) – L’Area Marina Protetta del comune salentino e Albatros “Progetto Paolo Pinto – Albatros Scuba Blind International – ASBI” sono state protagoniste nella giornata del 7 marzo 2015, presso l’Apnea’s Theatre – Eudishow di Bologna Fiere, la più grande fiera nazionale della subacquea.

Fulcro dell’incontro è stato la possibilità, attraverso questo progetto, di rendere il mare fruibile a tutti; il mare diventa da toccare, da vivere, una massa d’acqua aperta alle diverse disabilità. Quest’ultimo è proprio il presupposto del protocollo siglato oggi che permette ai disabili di avere accesso all’ambiente subacqueo. È prevista la realizzazione di un corso rivolto ad istruttori, aiuto istruttori, dive master, guide operanti nella rete dei Parchi del Salento, per la formazione e l’accompagnamento di sommozzatori  non vedenti e disabili, con rilascio di certificazione internazionale denominato ‘Cmas disabled’. Durante lo svolgimento del corso si apprenderanno tutta una serie di metodologie specifiche e di settore, totalmente nuove in questo campo e finalizzate al raggiungimento di obiettivi subacquei e comunicazionali che allargheranno gli orizzonti professionali e didattici di ogni singolo partecipante con diversa abilità.

Il Presidente della Provincia Antonio Gabellone e il presidente dell’ AMP Calasso si sono detti soddisfatti per la sinergia d’azione e per la forte partecipazione al progetto,intitolato a Paolo Pinto, indimenticato nuotatore internazionale.

Il protocollo che fa d’apertura al progetto, è finanziato con fondi del programma Interreg Grecia-Italia 2007/2013 e rappresenta un grande successo dei parchi del Salento, che diventano il luogo dove tutte le barriere possono essere abbattute.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleGran Galà Lirico per la festa della donna
Next articlePremio Moda “Città dei Sassi” concorso internazionale per stilisti