Gran Galà Lirico per la festa della donna

0
306

1.8marzoLecce – Con grande partecipazione di pubblico proseguono gli appuntamenti musicali promossi dal Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce. Domenica 8 marzo 2015, nella ricorrenza della Festa della Donna, il cartellone propone un galà lirico tutto al femminile. Protagoniste del concerto, che si terrà nel salone della Biblioteca “R. Caracciolo” di Lecce – ore 19.30, saranno due giovani interpreti vocali, Alessandra Contaldo (soprano) e Li Min (soprano), che si avvicenderanno in un variegato programma, col sostegno di Vanessa Sotgiu al pianoforte, offrendo al pubblico alcune tra le più belle pagine del repertorio.

Aprirà la serata “Vedrai carino”, dal Don Giovanni (1787)di W. A. Mozart, aria leggera e sbarazzina, non scevra da una certa carica erotica: consapevole delle proprie arti femminili, dopo aver rimproverato ancora una volta Masetto per la sua gelosia, Zerlina dà sollievo al suo promesso sposo dolorante per terra. Il programma mozartiano proseguirà con il recitativo e aria di Susanna “Giunse alfine il momento… Deh vieni, non tardar”, dalle Nozze di Figaro (1786), perfetto richiamo alle gioie dell’amore segreto, nell’ondeggiante cadenza “arcadica” della semplice melodia su un testo particolarmente evocativo, e con l’aria di Donna Elvira “In quali eccessi, o Numi!… Mi tradì quell’alma ingrata”, dal Don Giovanni (1787), scritta per il celebre soprano Caterina Cavalieri con largo uso della coloratura.

Nella riconoscibilissima cifra stilistica dell’autore, saranno in scaletta “Melodia” e “Meine Freuden” (Le mie gioie),dai 6 Canti polacchi di F. Chopin. In omaggio alla propria terra d’origine, Li Mineseguirà il popolare canto cinese “O Patria mia, ritornerò” di Zhong Zhi Shen, su versi di Zhen Bao Chun, mentreVanessa Sotgiuinframezzerà il concerto ricreando alla tastiera l’immagine onirica ed evanescente della pioggia autunnale dei Jardins sous la pluie, dalla suite per pianoforte Estampes (1903) di Claude Debussy.

Il programma lirico riprenderà con l’aria “S’altro che lagrime”, da La clemenza di Tito (1791) di W. A. Mozart, nella quale Servilia chiede a Vitellia di intercedere per il fratello Sesto, seguita dal celebre inno eucaristico “O salutaris hostia”, dalla Petite messe solemnelle (1863) di G. Rossini, e dall’“Ave Maria” di A. Gomes. Sarà poi la volta della valse chantée “Les chemins de l’amour” di F. Poulenc, dalle musiche di scena per la pièce Léocadia (1940), e della “Canzonetta sull’aria… Che soave zeffiretto”, dalle Nozze di Figaro (1786) di W. A. Mozart, soave duettino del biglietto che vede la Contessa e Susanna assorte in una seducente rêverie amorosa. Alessandra Contaldo chiuderà la serata con “Il est doux, il est bon”, da Hérodiade (1881) di J. Massenet, aria nella quale Salomè dichiara il suo amore per Jean.

Ingresso Libero

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePorto Cesareo, “Ti presento Frida”: un evento della biblioteca per raccontare una donna rivoluzionaria
Next articleAMP Porto Cesareo: siglato accordo per il “Diving Center”