Bogliacino:”Sfatiamo il tabù Carpi e andiamo in B”

0
479

bogliacino Mariano Bogliacino prima della ripresa dei lavori in vista dell’ultima battaglia contro il Carpi che decreterà la vincente di un posto in B, o il fallimento su tutti i fronti del Lecce, si è presentato in sala stampa, positivo e propositivo, anche se, nei suoi occhi c’era tutto il disagio di chi non è contento di quello che è accaduto.

Ha parlato, prima, della partita di domenica:

 «Le possibilità che abbiamo per centrare l’obiettivo promozione? Sono tantissime; dobbiamo pensare positivo».

Poi è tornato sulla nefasta gara perduta in terra emiliana:

 «Domenica in difesa abbiamo fatto bene, abbiamo peccato molto in attacco, ci è mancato tanto in quel reparto, non abbiamo creato occasioni importanti e siamo stati un po’ lunghi. Però vi dico che le motivazioni ci sono eccome; è vero abbiamo tanti infortunati. Chevanton e Jeda sono dei calciatori che hanno un peso specifico importante, però non dimentichiamo che in rosa abbiamo elementi che nella prima fase del campionato hanno fatto grandi cose; mi riferisco a Falco, Chiricò e Foti».

 Stuzzicato sulla poca convinzione che la squadra dimostra di avere nei propri mezzi, ha detto:

 «Dobbiamo ripartire dalla buona prova contro l’Entella, è vero al Cabassi non abbiamo fatto bene, ma la partita prima abbiamo giocato benissimo, se facciamo così andremo in B. Poi noi “anziani” dobbiamo dar coraggio e consigli ai giovani in squadra. Oggi dobbiamo solo guardare le cose di buono che abbiamo fatto, lasciamoci alle spalle le negatività; domenica faremo la partita della vita».

 Quello che tutti si chiedono o aspettano di capire, è come il Carpi si approccerà alla gara domenica, visto che ora ha il coltello dei sue risultati utili dalla parte del manico; Mariano ha risposto così e poi ha fatto un appello ai tifosi:

 «Loro? Ci aspetteranno e cercheranno di ripartire in contropiede. Domenica scorsa si sono spinti in avanti dopo il vantaggio solo per tentare di fare il secondo gol. Ma non voglio parlare degli emiliani. Dobbiamo pensare a noi. Stiamo iniziando ora gli allenamenti e visti gli infortunati non posso sapere come voglia schierarsi il mister; se devo fare la mezz’ala, lo farò come ho fatto tante volte nella mia carriera. Ora spero solamente che il Via del mare sia strapieno di tifosi e ci incitino fino alla fine, con loro siamo ancora più forti».

 Bogliacino però ha un brutto ricordo legato ai play off, un anno infatti come lui ha dichiarato non riuscì nell’intento finale:

 «Quando giocavo nella Sambenedettese, pareggiamo in casa e perdemmo per 2-1 a Napoli, ed è una situazione negativa che ricordo molto bene. Ma ora dobbiamo solo vedere gli aspetti positivi. Ora di positivo c’è che siamo una buona squadra e dobbiamo sfatare il tabù Carpi. Dimostreremo il nostro valore in campo».

{loadposition addthis}