Antonio Tesoro:”Nel Lecce vogliamo solo gente motivata”

0
316

diesse TesoroLecce – Oggi i giallorossi hanno ripreso i lavori al Via del Mare, di ritorno dal ritiro di Montecopiolo, in vista della gara di Tim Cup contro il Santhià di domenica sera in casa. Hanno lavorato in differenziato Beretta, Falco e Martinez che ha effettuato dei giri di campo.

Prima dell’inizio dell’allenamento il diesse Antonio Tesoro ha incontrato la stampa e ha affrontato i nodi mercato, spiegando che quest’anno, a scanso di equivoci come accadde l’anno scorso, vuole calciatori orgogliosi di indossare la gloriosa maglia giallorossa. «Non devo dirvi cose sconvolgenti (ha sorriso)».

Questa la sua analisi del mercato: «Dobbiamo completare il centrocampo; dipende da come il mister  farà giocare Bogliacino. Se giocherà centrale prenderemo un centrocampista, se giocherà più avanzato ne prenderemo uno e arriverà anche un attaccante. Con la partenza di Memushaj e Giacomazzi, purtroppo, siamo rimasti sguarniti in questo reparto. Ieri è arrivato Salvi che sarà lo Zappacosta di quest’anno, non escludo che il ragazzo, quando guarirà dall’infortunio possa ritornare. In uscita ci sono D’Ambrosio, Legittimo, Benassi e Di Maio. Potrebbe arrivare Delvecchio, è una richiesta di Moriero ma stiamo valutando anche altro».

Sull’ormai ex capitano ha detto: «Moriero ha preso una decisione, lui non ha gradito, di comune accordo abbiamo optato per la rescissione. Quello che decide il mister non è mai in discussione, nello spogliatoio decide lui e nessun altro. Comunque ringrazio Giacomazzi, è un signore e non escludo un ritorno (come dirigente)».

Intanto nel pomeriggio la società ha ufficializzato gli arrivi di Angelo Bencivenga dal Parma in prestito, e di Kevin Vinetot proveniente dal Genoa in prestito secco.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleGalatone 2-25 agosto Riflessi Ritratti – mostra fotofilosofica
Next articleLecce: si parte!