Novoli, chiuso il sondaggio di Paisemiu sul Teatro Comunale. I votanti favorevoli sono in maggioranza

0
1021

Sondaggio Teatro NovoliNovoli (Le) – Si è concluso il sondaggio proposto da Paise Miu sulla decisione dell’Amministrazione Comunale di intitolare il Teatro Comunale di Novoli ad un commediografo novolese, nella fattispecie al prof. Mario Teni. Hanno partecipato al voto 239 novolesi che si sono così espressi : 64% favorevoli all’iniziativa, 34% contrari 2% non interessati. 

All’indomani della comunicazione da parte del Sindaco in merito alla decisione intrapresa dalla Giunta Comunale, numerosi consensi e svariate polemiche, anche di autorevoli esponenti culturali locali, hanno aperto un dibattito, soprattutto sui social, che ha coinvolto numerosi cittadini novolesi. 

L’esito, stando a quanto asserito dai nostri lettori, non ammette repliche (considerata la vittoria dei favorevoli), tuttavia siamo certi che il dibattito continuerà, senza escludere ulteriori colpi di scena.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleXylella, Governo impugna presso la Consulta la legge-Blasi contro gli abusi edilizi
Next articleFrecciarossa, Paolo Pagliaro: “Stucchevole teatrino di alcuni politici salentini”