Luigi Manca sulla sanità pugliese: “Penalizzare e criminalizzare i medici di base è un clamoroso autogol”

0
663

Di seguito, una nota del vicepresidente della III Commissione Sanità della Regione Puglia, Luigi Manca.

Luigi Manca MedicoUn medico è chiamato a svolgere il proprio lavoro, la propria missione, secondo scienza e coscienza. Un medico di base, per quanto possa essere bravo, scrupoloso, costantemente aggiornato, non può certo essere un veggente. E alcune patologie apparentemente banali possono nascondere rischi ben più insidiosi per il paziente, addirittura mortali. Chi può quindi stabilire con certezza quali esami e prescrizioni e prestazioni siano utili o inutili, quando si tratta di prendere decisioni e assumersi responsabilità inerenti la salute di una persona?

Siamo quindi tutti d’accordo, noi operatori della sanità e amministratori e politici al tempo stesso, sulla necessità di contenere ed eliminare gli sprechi: ma farlo criminalizzando o spaventando un’intera categoria sulla quale si regge il welfare, mi sembra un clamoroso autogol. Soluzioni e compromessi, se si discute e ci si confronta con pacatezza e autorevolezza, si possono e si devono trovare. Ma le ipotesi ventilate a livello ministeriale rischiano di produrre un effetto inevitabile: il dirottamento dei pazienti al pronto soccorso, già congestionati di per sé, e quindi la paralisi della sanità pubblica. Per questo mi auguro che le polemiche di questi giorni lascino spazio al dialogo e alla valutazione di diverse prospettive e orientamenti, per arrivare alla fine a un modello concertato e condiviso di sanità che non penalizzi né i medici né tantomeno i pazienti, che non devono e non possono essere costretti a pagare, unicamente sulla propria pelle e sulla propria professionalità, i guasti di un sistema pieno di falle ormai ataviche.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleChiara Madaro esprime la sua soddisfazione per il buon esito delle Giornate Europee del Patrimonio celebrate a Novoli
Next articleMartina F.-Lecce: presentazione e probabili formazioni