Anche a Porto Cesareo si rinnova la tradizione della fòcara

0
608

Focara Porto CesareoPorto Cesareo (Le) – Dopo la grande festa di S. Antonio Abate con l’accensione del grande falò lo scorso 16 gennaio a Novoli, domenica prossima, 26 gennaio 2014, come da tradizione ci sarà l’accensione del falò in onore del Santo a Porto Cesareo.

Ripercorrendo le tappe della nascita del culto e della festa nella comunità cesarina, ci ritroviamo negli anni della seconda guerra mondiale, quando mamma Oronza Colelli, è in pena per il figlio Edmondo partito in guerra. Afflitta dall’idea di non poterlo più rivedere, prega e fà un voto a Sant’Antonio Abate, cui è devota, affinché lo faccia ritornare sano e salvo.

Al termine della guerra, dopo l’armistizio del 1943, Edmondo torna a casa e mamma Oronza si appresta insieme alla famiglia a preparare una grande festa, ma soprattutto a mantenere la promessa fatta al Santo: la costruzione di una statua in cartapesta a grandezza naturale.

Da quel momento il Santo è onorato nella comunità cesarina, dapprima con il triduo in Chiesa, poi con il falò e i giochi organizzati per i ragazzi, come la cuccagna e la corsa con i sacchi.

Arriviamo all’8 dicembre di 47 anni fa, in cui Oronza muore, lasciando ai figli, che poi trasferiranno ai loro discendenti, la tradizione dei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio.

Festeggiamenti che, nel tempo sono stati organizzati da Paoluccio Martina, e che continuano grazie al lavoro e alla devozione di Giuseppe Calcagnile, dei suoi figli e di Antonio Martina.

Questo sarà il 74esimo anno in cui la tradizione si ripeterà: domenica 26 gennaio alle ore 19 ci sarà l’accensione della “focara  in località “Le dune” a Porto Cesareo.

Una festa che continua tra folklore, tradizione, religiosità, che il monaco orientale porta con sé.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleQuando il pericolo viene avvolto dal silenzio
Next articleAbruzzese, Barraco e De Rose: tre pedine per il definitivo salto di qualità