Abruzzese, Barraco e De Rose: tre pedine per il definitivo salto di qualità

0
382

presentazioneLecce (di G. De Pandis e T.Micelli)- “Ciccio” De Rose, Giuseppe Abruzzese e Dario Barraco: tre ritocchi per spingere i sogni dei tifosi del Lecce ancora più su, verso quel traguardo che, quasi per paura, non viene mai pronunciato dai tesserati della società di Piazza Mazzini. Il direttore Antonio Tesoro, prima della presentazione dei tre nuovi calciatori giallorossi, dichiara chiuse le operazioni in entrata: “La campagna acquisti in entrata si può dire praticamente chiusa, si è incanalata nel modo giusto ed ha perseguito tutti i nostri obiettivi: Abruzzese è stato trattato più di 5 volte da noi, De Rose è stato uno che l’anno scorso si è guadagnato la pagnotta e Barraco è l’esterno giusto per la nostra causa“. Sul mercato in uscita invece Tesoro prevede la possibilità di qualche cambio: “C’è la concreta possibilità che arrivi Caglioni perché Petrachi potrebbe approdare altrove per giocare 6 mesi; in ogni caso non ci sono problemi con Davide, ragazzo sempre pronto, ma sfortunato a causa dei suoi guai fisici”. 

Figliol prodigo Ciccio– Il rinforzo della mediana giallorossa è il ritorno, dopo la prima parte di stagione alla Reggina, di Francesco De Rose, calciatore capace di affiancare tanta sostanza a 5 reti: “Ho tanto entusiasmo, questa è una scelta di cuore corredata da tanta voglia di raggiungere gli obiettivi. Rispetto all’anno scorso noto tanto affiatamento, il gruppo è fatto di ragazzi bravi e professionali. La mia condizione? Sto bene ed ho ripreso a lavorare a Reggio già il 9. La concorrenza non mi spaventa, nel nostro lavoro nessuno ti acquista per farti giocare al 100percento”. L’icona della compattezza del gruppo giallorosso è proprio capitan Miccoli:”Fabrizio è il primo ad essere disponibile“.

Occasione importante– Giuseppe Abruzzese ha già avuto modo di salutare il pubblico del “Via del Mare” in occasione dello spezzone di partita giocato domenica scorsa contro il Benevento, quando i circa 4000 presenti hanno accolto il suo ritorno con un caloroso applauso. Ed è a loro che il nuovo difensore giallorosso dedica le prime parole: “Voglio ringraziare il pubblico per l’affetto che mi ha dimostrato. Ringrazio la società che mi ha concesso questa opportunità che ho accettato con piacere. Ora toccherà a me sfruttarla al meglio”. L’ex Crotone si allena con i nuovi compagni già da più di una settimana e può stilare un primo bilancio sulle impressioni avute: “Questa è una squadra di grande valore tecnico ma soprattutto umano. Lavorano tutti, ogni giorno, compatti per raggiungere l’unico obiettivo che è quello domenicale e, quando lavori bene in settimana, in genere la domenica le cose vanno bene“.

Abituato all’alta classifica– Dario Barraco è lo specialista di promozioni arrivato dal Latina che subito dimostra di aver acquisito il modo di pensare della squadra: “È normale che a fine campionato si guardi la classifica che è la cosa più importante ma, per ora, dobbiamo pensare solo a vincere la domenica“. Il suo entusiasmo per la chiamata del Lecce è tangibile: “Domenica giocheremo con il Catanzaro che è una delle squadre di Lega Pro che mi cercavano. Mi cercavano diverse squadre ma, quando ho saputo dell’interesse del Lecce, non ho avuto dubbi e mi sono mosso perché questa possibilità di realizzasse. Il Lecce è una grandissima squadra per la storia, la società e la tifoseria di cui mi hanno parlato benissimo Esposito e Chiricò. Quando vieni a giocare a Lecce ti senti realizzato“. Dal punto di vista tattico, il calciatore romano si mette a completa disponibilità di mister Lerda: “Sulla trequarti posso giocare in qualsiasi posizione. Ultimamente mi sono trovato benissimo a destra ma posso giocare anche al centro o a sinistra”. Dal punto di vista fisico sto bene: mi manca solo un po’ il ritmo partita visto che non gioco da fine novembre“.

 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleAnche a Porto Cesareo si rinnova la tradizione della fòcara
Next articleL’in …TARES … se della comunità novolese