Parfait: “Lecce mi può dare tanto”

0
493

parfaitLecce – Louis Parfait in cerca di rilancio. Il camerunense ex Cesena ha finalmente trovato continuità fisica e di rendimento nello scacchiere di Franco Lerda dopo un inizio ad handicap dettato da una scarsa forma fisica conseguente alla poca, quasi nulla, preparazione fatta con i romagnoli prima del passaggio in extremis in Salento, trasferimento avvenuto a poche ore dalla chiusura del calciomercato.

Avvio a singhiozzo – Il raggiungimento del suo migliore status di forma è arrivato tardi anche a causa del ritardo di preparazione: “Sono arrivato a Lecce in ritardo perché a Cesena non ho fatto una vera e propria preparazione; in più dopo appena due partite mi sono dovuto fermare a causa di un guaio muscolare che mi ha fatto rientrare solo ad Ascoli ma ora sto meglio, ho recuperato il ritmo partita e la condizione migliore”.

Sempre nel mezzo – Il rientro di Parfait è anche coinciso con il ritrovo della giusta quadratura nel 4-2-3-1 di Lerda in cui fa coppia con Romeo Papini, probabilmente assente nell’anticipo di domani sera contro il Prato: “Mi trovo benissimo con tutti i miei compagni ma con Romeo mi sento più sicuro; lui ha tanta esperienza e mi permette di avere una spalla nel mio lavoro di interdizione”. Il camerunense, nato nella capitale Yaoundè, non fa però distinzioni di modulo: “Mi piace il 4-2-3-1 ma mi trovo bene anche a fare l’interno di centrocampo nel 3-5-2”. Parfait è spesso richiamato da Franco Lerda per l’eccessiva ostinazione nel tenere il pallone tra i piedi rallentando la manovra: “Cerco di migliorare giorno per giorno; ognuno di noi ha sempre qualcosa da imparare ed il mister fa bene a richiamarmi quando tengo troppo la palla tra i piedi”.

Lecce per il rilancio – L’esperienza di Lecce potrebbe essere importante per il proseguimento della carriera di Louis Parfait, calciatore di qualità non da Lega Pro: “Qui a Lecce mi trovo bene e lavorerò duro per ripagare la fiducia di chi mi ha voluto qui. Mi trovo in una piazza che mi può dare tanto e mi può far tornare a grandi livelli”. Sulla partita di sabato contro il Prato il camerunense è ottimista ma è ben lontano da fare calcoli basati sulla classifica: “Dobbiamo pensare gara per gara e dobbiamo migliorare sempre ciò che non va bene. Con il Prato dobbiamo lottare per i 3 punti”.

{loadposition addthis}