Il prossimo 25 novembre la giornata mondiale contro la violenza sulle donne

0
383

Violenza

“ Picchiata dal marito e ridotta in fin di vita.. Uccide ex fidanzata perché non accettava la fine della loro relazione.. Molesta la ex e minaccia la sua famiglia”.

Sono questi i titoli che passano attraverso i media e che ogni volta ci fanno trasalire; fanno paura perché accadono anche vicino a noi.

È di qualche giorno fa la notizia di due trentenni leccesi, a cui è stato impedito di avvicinarsi alle abitazioni delle proprie ex, dopo averle ripetutamente molestate.

Il primo dei due uomini non voleva accettare la fine della relazione con la propria fidanzata e continuava a pedinarla e chiamarla insistentemente al telefono. Nei confronti del secondo uomo, le autorità avevano già preso provvedimenti, poiché per mesi aveva pedinato l’ex convivente e l’aveva molestata con insulti e minacce.

Questi casi si ripetono oramai continuamente sia nel Salento che in tutta la regione. Ci chiediamo se davvero le misure precauzionali prese dai Gip, possano servire da deterrente. Diversi progetti sono stati presentati dalla Regione Puglia e dalla Provincia di Lecce, che ha siglato nel dicembre 2012 un protocollo con la Prefettura, la Asl e la Commissione delle Pari Opportunità, finalizzato alla prevenzione del fenomeno delle violenze di genere.

Ricorrendo, il prossimo 25 novembre, la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ci si prepara a promuovere e partecipare attivamente alle manifestazioni a riguardo, che saranno presentate nel nostro territorio, affinché non ci sia distinzione nel sensibilizzare la popolazione a far scomparire la parola “femminicidio” dalle nostre cronache.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleParfait: “Lecce mi può dare tanto”
Next articleL’urlo dello Spartak: “vogliamo un antistadio dignitoso per i cittadini leccesi”