Novoli calcio, tanto tuonò che piovve. L’ASD ha consegnato la squadra al Sindaco

0
1968

novoli calcio 2014Novoli (Le)  – Tanto tuonò che, alla fine, piovve. E già, a Novoli non solo piovve ma arrivò la bufera e parliamo della calda estate calcistica del paese della fòcara che, tra promesse dell’Amministrazione Comunale e speranze della società dilettantistica di via Trepuzzi e di tutti i suoi tifosi, è giunta a Ferragosto senza una “casa” in cui accogliere avversari e tifosi, regalando calcio a tutti gli appassionati.

Il 28 luglio scorso, si tenne una pubblica assemblea in piazza Regina Margherita, in presenza delll’Amministrazione Comunale e dell’ASD Novoli, voluta dal sodalizio rossoblù per mettere al corrente la cittadinanza e i tifosi della delicata questione “Toto Cezzi”. Proprio in quell’occasione si registrarono le promesse del Sindaco, Oscar Marzo Vetrugno, che rassicurò i presenti del massimo impegno che avrebbe assunto per risolvere il problema: “Per il 15 agosto non riusciremo a terminare i lavori. Mi impegno però personalmente a fare in modo che per il 21 settembre il Totò Cezzi sia omologato, consegnandolo così alla squadra e ai tifosi. Non faccio promesse che non posso mantenere per tenere calma la piazza. Ripeto m’impegno personalmente e quest’anno non andrò nemmeno in ferie per lavorare su questa situazione che ho molto a cuore”.

Il Presidente Nino Sebaste, dimissionario proprio per questa vicenda, tuonò: “Noi con tanti sacrifici abbiamo iscritto la squadra al Campionato di Eccellenza, stiamo facendo la campagna acquisti ma è possibile però che la settimana prossima consegniamo la squadra al Sindaco… vedremo”.

Il 15 agosto è alle porte e non si è mosso nulla; l’A.C. ancora non conosce l’entità della spesa da affrontare e, seppur abbia sondato i paesi limitrofi per chiedere di far disputare al Novoli le partite casalinghe fino al termine dei lavori (sappiamo per certo che Trepuzzi ha dato ampia disponibilità), questo non garantisce all’ASD Novoli di poter programmare un futuro. E così come promise Sebaste, è accaduto che la sua società ha protocollato le dimissioni, consegnando di fatto la squadra nelle mani del Sindaco. Più che una squadra di calcio, nelle mani del primo cittadino novolese, c’è una patata bollente che va gestita.

Per ora bocche cucite dal Palazzo cittadino, anche se le ore passano e sale il nervosismo e la paura di non poter vedere, dopo tanti sacrifici, la “rossoblù” disputare il campionato di Eccellenza.

Di seguito il documento protocollato:

Oggetto: dimissioni dell’ASD Novoli Calcio e consegna di tutte le squadre nelle mani del sindaco Dott. Oscar Vetrugno Marzo

Visto che, dopo l’assemblea tenutasi in pubblica piazza il 28/07/2014, nessun lavoro al campo sportivo “Toto Cezzi” è stato neanche iniziato e, dopo le promesse fatte di lavorare assieme anche nei giorni d’Agosto per risolvere l’annosa questione dello stadio, nessuna comunicazione di collaborazione ci è stata inviata. Giunti ormai all’inizio di campionato, a tutt’oggi, non sappiamo ancora dove giocare. Nonostante le affannose ricerche, non è stato possibile trovare uno stadio disponibile e omologato per poter disputare gli incontri casalinghi del campionato d’Eccellenza.

Il fatidico limite massimo del 15 Agosto richiesto dalla federazione per comunicare lo stadio di gioco sta per arrivare, pertanto, dopo tutti i sacrifici profusi e non volendo perdere il titolo acquisito, il consiglio direttivo dell’ASD Novoli Calcio riunitosi ha deciso di ratificare le proprie dimissioni e di consegnare il titolo sportivo e le squadre al completo, pronte all’inizio dei rispettivi campionati, nelle mani del Sindaco Dott. Oscar Vetrugno Marzo affinché possa portare avanti i campionati 2014/2015.

La società A.S.D. Novoli Calcio Novoli

11 agosto 2014

Concludiamo sperando che questa triste vicenda trovi una soluzione logica in tempi brevi e, seppur è vero che quello che stiamo vivendo è un periodo di crisi estrema e reperire fondi e risorse è difficilissimo, è altrettanto vero che magari il denaro occorrente si potrebbe reperire in qualche altro capitolato di spesa…

E qui ci fermiamo, in attesa di buone nuove che non tardino ad arrivare.

{loadposition addthis}