Parte il sogno azzurro per i baby giallorossi

0
648

I giovani giallorossi in viaggio verso Sorrento

(Di Tommaso Micelli e Gabriele De Pandis) Lecce – Ogni ragazzo che inizia a giocare a calcio ha diversi sogni nel cassetto ed il più ricorrente è senza dubbio quello di indossare la maglia azzurra della nazionale: la maglia con cui hanno fatto la storia i vari Totti, Buffon, Del Piero, Cannavaro, Pirlo e, per scavare nel passato, Zoff, Rossi, Baggio, Maldini e tanti altri. 

Oggi, come vi abbiamo annunciato lunedì scorso, parte il sogno azzurro per Cicerello, Fersini, Guadalupi e Monaco che rappresentano solo una parte delle enormi potenzialità di questa Berretti giallorossa che può contare anche su tanti altri talenti di cui, ne siamo sicuri, sentiremo parlare in futuro. I quattro convocati sono partiti poco fa da Lecce e, accompagnati dall’allenatore in seconda Dell’Anna, sono in viaggio verso Sorrento dove, domani, parteciperanno ad uno stage sotto la guida dell’allenatore dell’Under 18 Valerio Bertotto.

L’avventura dei quattro ragazzi della Berretti guidata da Pedro Pablo Pasculli potrebbe fungere da trampolino di lancio per i giovani che tanto bene stanno facendo nel campionato di competenza. L’augurio migliore per i ragazzi è ovviamente quello di arrivare all’azzurro della Nazionale A, preferibilmente con la maglia del Lecce come anni fa hanno fatto Cassetti (con 2 presenze), Sicignano ed Esposito. Oltre ai tre calciatori convocati in nazionale A nella loro permanenza in giallorosso, i Pasculli boys potrebbero cercare di proseguire il percorso dei prodotti del vivaio Conte, Moriero, Mileti e Garzya, calciatori arrivati nell’Under 21 durante l’avventura nel vivaio del Lecce. È un augurio per loro e per tutto il popolo giallorosso.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleEsperia Viareggio tra giovani, totem e nuove guide
Next articleRitorna LecceArredo, il Salone Nazionale dell’Arredamento