Lecce, ecco Caturano: “Leader solo con il lavoro”

0
331
Caturano
FOTO: Stefano DI BELLA

Lecce – E’ stato presentato in mattinata Salvatore Caturano, nuovo attaccante del Lecce giunto nel Salento dopo la prima parte di stagione spesa in Serie B con l’Ascoli. L’attaccante, classe 1990, è reduce dalla palma di capocannoniere dello scorso campionato di Lega Pro Girone C, vinta grazie alle 18 reti messe a segno a Melfi.
C’è stata una trattativa avviata all’ultima partita fatta ad Ascoli. – afferma Caturano – Il Lecce è stata la prima squadra che mi ha chiamato e ho risposto subito di sì. Venire a giocare a Lecce è un risultato per chiunque. Ascoli è una piazza ambiziosa, i tifosi mi avevano accolto benissimo, la squadra era un gran gruppo. Può essere il salto determinante per la mia carriera di calciatore, sono venuto qua con voglia di far bene e vincere, non potevo scegliere piazza migliore. Sono a disposizione del mister. Io do il massimo sempre, quando si gioca contro il Lecce e fai parte di una squadra piccola dai sempre il 100%. Ricordo che nei giocatori del Lecce c’era l’espressione di chi si vede il mondo cascato addosso”.
Caturano promette tanto impegno ai tifosi: “Una promessa ai tifosi? Suderó questa maglia sempre, garantisco il massimo impegno. Se sono pronto domenica? Sì, sarei già pronto.  Il campionato di B è finito il 27-28 dicembre e abbiamo avuto 1 settimana di sosta. Contro la Lupa Castelli sarà ostica. Quando una squadra piccola gioca contro il Lecce dà sempre il 200%, bisogna avere l’atteggiamento giusto per far si che i tre punti li portiamo a casa. Sarà una partita difficile e bisogna essere concentrati. Ex compagni qui? Carrozza, ci ho giocato a Taranto. Il mister? Lo conosco di fama, ci ho giocato contro. Essere leader anche in una big? Leader si diventa con il lavoro, io spero di diventarlo con il lavoro, mi metto a disposizione con grande umiltà. Il mister? Ho avuto subito un confronto con lui, mi ha detto ‘Tu corri e giochi, se ti fermi sei perso’. Il resto non lo posso dire! Saltare sotto la curva? Io sono molto educato e non saprei proprio cosa fare, non voglio mancare di rispetto a nessuno. Sono stato accolto benissimo in questo gruppo, tutti bravi ragazzi, cercherò di apprendere anche negli atteggiamenti oltre che nella tecnica”.
La punta cresciuta nell’Empoli non guarda alla vetta della classifica: “Lotteremo partita dopo partita, adesso pensiamo a prendere i tre punti a Rieti.”

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleSi chiama Luigi Zinetti l’ultimo acquisto nel Nardò Calcio
Next articleCampi S.na, dal 7 al 23 gennaio al via “Libri dal basso”, un contenitore culturale di testi, presentazioni e dibattiti