(Je)da il buon esempio

0
478

Jeda

Capucho Neves Jeda saluta Lecce e lo fa da uomo vero. Il suo contratto sarebbe scaduto il 30/06/2015, oggi lo ha rescisso di comune accordo con la società giallorossa.

L’attaccante brasiliano che aveva uno degli ingaggi più onerosi per il club di “Via Templari”, ha aperto una strada che potrebbe essere percorsa dagli altri senatori presenti in rosa.

Purtroppo il campionato del Lecce con la mancata promozione in serie B, può essere definito fallimentare.

In una nota diffusa dall’Addetto Stampa, la società tiene ad evidenziare la serietà dimostrata dal calciatore, che, pur vantando altri due anni di contratto, consapevole dell’attuale situazione e dell’annata deludente, ha deciso di prendere tale decisione.

Effettivamente Gegè è stato uno dei calciatori più criticati di questa stagione. Ha dovuto sopportare due infortuni e in più è stato molto sfortunato; pali, traverse, gol sbagliati, la sua è stata una stagione maledetta.

Ha deciso così, meritando una medaglia all’onestà intellettuale.

In bocca al lupo campione.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleBorgo San Nicola, al via il progetto pilota per impiegare i detenuti nel sistema di gestione dei rifiuti
Next articleNovoli: ecco l’ecocentro