Il momento in casa Lecce tra Foggia e Fondi

0
318
FOTO: Stefano DI BELLA

Lecce – Messo definitivamente in archivio lo 0-0 casalingo contro il Foggia, il Lecce è già proiettato al prossimo impegno in campionato. Domenica alle 16:30 è in programma l’inedita trasferta di Fondi, un match che vivrà la sua “prima” proprio in questo campionato.

Cammino da riprendere – Il pareggio contro i Satanelli non è un risultato che lascia amaro in bocca, anche se sono da analizzare molteplici aspetti della prestazione. Il Lecce ha sì sofferto l’avvio a mille dei ragazzi di Stroppa, culminato con il clamoroso palo di Rubin, ma ha abbozzato e concretizzato nel migliore dei modi la reazione. Il computo delle occasioni da rete, nonostante quello scorso sia stato un match vissuto sull’impercettibile filo dell’equilibrio pronto a rompersi da un momento all’altro, ha sorriso al Lecce. Dall’altra parte i segnali che destano qualche preoccupazione riguardano la tenuta difensiva del centrocampo, troppo spesso messo alle corde dal collaudatissimo terzetto dauno Gerbo-Agnelli-Vacca. La fiducia nell’assetto titolare costruito in questi primi mesi di stagione, secondo le visioni più critiche, ha anche portato Padalino ad effettuare troppo tardivamente qualche avvicendamento che avrebbe potuto spostare l’asticella del match.

Occhio in difesa – A Fondi il Lecce dovrà fare i conti con una piccola emergenza in difesa, anche se il dato delle convocazioni potrebbe dare conforto. In settimana sono stati ai box sia Drudi, infortunatosi a Catania, sia Giosa, alle prese con dei guai al ginocchio. Nella seduta di allenamento di giovedì pomeriggio, caratterizzata dalla carica degli ultrà presenti al “Via del Mare” per stringersi ancora una volta attorno alla squadra, sono state provate due nuove soluzioni per la difesa a quattro. Accanto a Cosenza, infatti, si sono alternati Vinetot (due presenze in stagione, al debutto a Monopoli e in Coppa col Francavilla) e Freddi, in gruppo dopo quasi un anno alle prese con un infortunio. In ogni caso, Drudi e Giosa fanno parte della lista dei convocati per la spedizione-Fondi e i dubbi saranno sciolti soltanto nell’immediata vigilia.

Qui Fondi – Occhio a sottovalutare la matricola Unicusano Fondi, in striscia positiva da tre partite, due vittorie (Taranto battuto a domicilio 0-2 e Siracusa regolato in casa con lo stesso punteggio) e un pari che hanno assestato i rossoblù laziali al settimo posto a quota 15 punti. Tra le mura amiche, la squadra di Pochesci ha ceduto il passo soltanto al Cosenza, bloccando sul pari la Juve Stabia e battendo Reggina, Akragas e Siracusa. Il ruolino di marcia è quindi quello di una formazione in salute. I punti di forza sono un attacco insidioso (quarto del campionato), corredato da un sostanziale equilibrio arretrato, di certo ad oggi non da formazione che lotterà fino all’ultima giornata per la salvezza. La retroguardia leccese dovrà guardarsi dagli inserimenti degli attaccanti Tiscione e Albadoro, 6 reti a testa in stagione e punte di diamante dello schieramento fondano.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Dall’essere coppia all’essere genitori”, seminario dell’AFIPS a Lecce
Next articleMemoria e arte a Novoli, fino al 13 novembre in mostra le opere del maestro Mazzoccoli. Tra l’indifferenza di molti, ieri l’inaugurazione