I giallorossi trionfano a Verona con un gol per tempo

0
27

lecceVerona – Bella prova di forza, resistenza e carattere per un Lecce che conferma di poter giocare un ruolo da protagonista nel campionato cadetto, continuità permettendo. Eppure i tifosi temevano questa gara. E lo aveva detto anche Liverani che non sarebbe stato per niente facile contro i guelfi di Fabio Grosso, che vanta in rosa giocatori di grande esperienza e risultati, uno su tutti Pazzini.

Il Verona si fa vedere subito e sin dai primi minuti mette paura alla difesa avversaria. Ma il Lecce c’è e vuole farlo capire anche al Bentegodi. Dopo diverse buone occasioni dei gialloblu, soprattutto con Marrone e Laribi, il Lecce riesce a costruire ottime azioni e gestisce bene il possesso palla. Tabanelli regala il primo vero brivido al 28′, ma conclude debolmente in porta. L’Hellas protesta per due contrasti sospetti al 35′ e al 43′ ma l’arbitro lascia correre. Poco dopo, Petriccioni sorprende Silvestri ma la palla va fuori. Eppure il gol è vicinissimo e prima della chiusura del primo tempo, Mancosu innesca La Mantia che supera la difesa e centra la rete. Al rientro in campo Liverani non cambia nulla e la squadra gli dà ragione. Nonostante l’impegno dei padroni di casa, e le numerose incursioni di Pazzini, che segna al 76′ un gol in fuorigioco dubbio, la difesa giallorossa tiene duro e Vigorito salva più volte il risultato. Invece è Mancosu a raddoppiare approfittando del solito sinistro da fuori area che spesso fulmina i portieri avversari. Succede anche stavolta, e il Lecce vola. il Verona ci prova ancora con Pazzini e Laribi, ma i giallorossi potrebbero addirittura triplicare con Palombi che però non trova il movimento giusto per mettere fuori gioco Silvestri.

La partita si chiude con le proteste dei veronesi, che reclamano ancora rigore in seguito a una mischia in area e si vedono negato un altro gol, stavolta di Zaccagni, la cui incornata viene giudicata irregolare. Il Lecce, davanti ai 1300 tifosi che hanno raggiunto Verona, sale a un punto dalla vetta con una vittoria d’oro contro la prima della classe, in trasferta. Niente male.

TABELLINO

HELLAS VERONA: Silvestri, Eguelfi (dal 76′ Ragusa), Marrone, Matos (dal 40′ Cissé), Pazzini, Colombatto, Lee (dal 56′ Zaccagni), Crescenzi, Laribi, Dawidowicz, Empereur. A disposizione: Ferrari, Tozzo, Caracciolo, Henderson, Gustafson, Di Carmine, Balkovec, Calvano, Kumbulla. Allenatore: Grosso.

LECCE: Vigorito, Petriccione, Mancosu, Palombi, Meccariello, La Mantia (dall’84’ Pettinari), Tabanelli (dall’89’ Fiamozzi), Venuti, Calderoni, Scavone (dall’84’ Armellino), Bovo. A disposizione: Bleve, Cosenza, Arrigoni, Lepore, Torromino, Haye, Marino, Dubickas, Tsonev. Allenatore: Liverani.

MARCATORI: La Mantia (L) al 46′ pt, Mancosu (L) al 68′

Arbitro: Massimi (sez. AIA Termoli).
Assistenti: Muto (sez. AIA Torre Annunziata) e Margani (sez. AIA Latina).