Va in scena – “The mule” (2018)

0
23

È il 2018 e l’evergreen Clint Eastwood decide di tornare sugli schermi come attore dopo dieci anni da Gran Torino, grazie al quale ottiene riconoscimenti tra cui il Golden Globe e il David di Donatello. Ne è protagonista e appartiene a lui la regia di “The Mule”, un film che racconta la storia di un uomo poco presente con la famiglia, venditore di fiori in giro per gli Stati Uniti, al quale un incontro cambierà la vita per sempre. Si reca a una festa della nipote Ginny, interpretata da Alison Eastwood nonché figlia di Clint, ed entra in contatto con un giovane attratto dalla sua esperienza in giro per gli Stati Uniti, dopo aver attraversato 41 Stati su 50 come venditore. Novantenne e al verde, viene scelto come corriere per trasportare merce per un tempo indeterminato, fino a quando non scopre di che tipo di merce si tratta.

Basato sulla storia vera di Leo Sharp, “The Mule” vanta un cast composto da Clint Eastwood, Bradley Cooper, Michael Peña, Dianne Wiest, ottenendo un totale di 174 milioni di dollari in tutto il mondo. Inizia ad essere girato tra Atlanta e Augusta in Georgia, e nel Nuovo Messico. “The Mule” è l’ennesimo successo di un artista che lascerà un’eredità cinematografica esemplare per le future generazioni e fa riflettere su temi come la famiglia, il lavoro e la crisi economica che spesso induce a prendere cattive strade. È un film che sottolinea in modo drammatico la mancanza di un padre, il dolore di una figlia a causa di quell’assenza che niente e nessuno può sostituire.