Futsal Lecce stecca la prima, ma quanti rimpianti

0
332

campionato realcastellaneta andata 25ott2014Lecce – È andato in scena sabato 25 ottobre alle 19.00 il match tra Futsal Lecce e Real Castellaneta, valevole per la prima giornata di campionato di Serie C2 girone C. Le due squadre, reduci entrambe dal passaggio del primo turno di Coppa Puglia, (Ruffano per i leccesi e Taranto per i valentiniani), hanno dato vita ad un incontro acceso e combattuto, in bilico fino all’ultimo minuto di gioco. Il finale vede gli ospiti vittoriosi per 3-4, ma Futsal Lecce ha sicuramente da recriminare su diverse occasioni di gioco per via di un arbitro forse troppo giovane e inesperto per una gara così importante.

Mister Vetrugno sceglie il suo quintetto base e schiera Rametta tra i pali, Ingrosso e Misuraca sulle fasce laterali, Mininanni difensore centrale e Romano come terminale offensivo. La gara vede i leccesi dominatori del campo e del gioco per tutta la prima frazione, dettando i ritmi che mettono in seria difficoltà gli avversari. Misuraca e Ingrosso sulle fasce sono inarrestabili e, imbeccati da Mininanni, si affidano al pivot Romano per impostare le azioni offensive. Da qui nasce il momentaneo vantaggio leccese siglato da Misuraca che è abile a triangolare con Ingrosso e, con un destro chirurgico, insacca sul secondo palo. Futsal Lecce continua a macinare gioco, trovandosi di fronte un Castellaneta che non riesce a seguire i ritmi dettati dai salentini  e si affida a qualche latitante sortita offensiva di contropiede. I giallorossi avrebbero l’occasione di aumentare il vantaggio su un calcio di punizione (sul quale il capitano avversario avrebbe meritato almeno il giallo per fallo da ultimo uomo su Misuraca), ma il laterale francavillese centra un clamoroso palo. Il Real Castellaneta trova un insperato pareggio su calcio d’angolo, in cui un abile Rametta si immola sul tiro a distanza ravvicinata del pivot avversario, ma non può nulla sul tap-in vincente del 10 ospite. La parità non fa perdere la concentrazione alla squadra di casa che pochi minuti dopo ritrova nuovamente il gol con Marciante, subentrato a Misuraca, che con un gran tiro di prima all’incrocio dei pali sigla il 2-1, lasciando sbalorditi tutti i presenti nel palazzetto. Il finale del primo tempo vede ancora protagonisti i padroni di casa che con Arnesano, subentrato nel frattempo a Ingrosso, cercano di aumentare il vantaggio ma si infrangono su un Gadaleto in buona forma, che fa fronte alle varie sortite offensive dei leccesi. Mininanni, a tu per tu con il portiere, manca una clamorosa occasione da gol mettendo un pallonetto a lato. La prima frazione si conclude dunque con Futsal Lecce in vantaggio per 2-1.

La seconda frazione si apre in maniera differente. I padroni di casa cercano comunque di continuare a impostare il loro gioco grazie ad un Romano che, spalle alla porta, cerca sempre di far salire la squadra, ma è il Real Castellaneta a ritrovare il pareggio grazie ad uno schema su punizione che porta il pivot valentiniano, aiutato da una dormita difensiva, a gonfiare di tacco la rete dell’incolpevole Rametta. Futsal Lecce cerca nuovamente di riportarsi in vantaggio ma subisce la rete del 2-3 dopo che il pivot avversario, lasciato inspiegabilmente libero davanti alla porta, insacca fortunosamente alle spalle del portiere di casa che era riuscito comunque ad intercettarla. Nonostante lo svantaggio subito, i leccesi continuano ad impostare il gioco, ma trovano la porta chiusa. Pochi minuti dopo, direttamente su punizione, il Real Castellaneta sigla il momentaneo 2-4.

Mister Vetrugno, forse troppo tardi, cerca di dare una scossa attraverso i cambi. De Carlo rileva uno stanco Mininanni, e Bracale ed Arnesano prendono il posto rispettivamente di Marciante e Romano. Gli ultimi minuti sono un monologo leccese, i valentiniani sono alle strette ma sono compatti. Quando Bracale trova un varco nell’area avversaria, è Gadaleto ad ipnotizzarlo con una parata determinante. Subito dopo viene chiamato in panchina per far entrare il giovane Ragazzo. Ma il forcing continua ed è De Carlo, con un tiro da fuori area a fil di palo, a trovare il 3-4. Durante l’unico, e molto discutibile minuto di recupero, Rametta, proiettato in fase offensiva, si procura un fallo che decreta il tiro libero per i padroni di casa. Si incarica della battuta Arnesano che calcia male, sbagliando il tiro libero che avrebbe consentito il pareggio. L’arbitro decreta la fine della partita sul punteggio di 3-4.

La partita si conclude con qualche parola di troppo da parte di qualche giocatore avversario che scatena una lite, ma alla fine tutto viene riportato all’ordine. Futsal Lecce esce dalla prima di campionato immeritatamente senza punti. Un mix tra decisioni discutibili dell’arbitro e pochi ma gravi errori difensivi hanno portato alla sconfitta di fronte ad una squadra che viaggerà sicuramente nelle zone alte della classifica per tutto il campionato. Onore ai vincitori ma anche agli sconfitti, che hanno dimostrato comunque di aver un buon organico a disposizione e che possono dire la loro in questa nuova avventura. Ora testa alla seconda giornata, che vedrà il Futsal Lecce impegnato nella insidiosa trasferta di Ruffano, già affrontata in Coppa Puglia. Capitan Musarò e compagni sono pronti a ripartire.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePer rivedere quegli occhi neri non so cosa avrei fatto
Next articleSmaltimento rifiuti, a Campi Salentina la raccolta è differente