Alla vigilia di Venezia-Lecce, mister Corini: “Sappiamo come fare male al Venezia, abbiamo lavorato per migliorare la lettura tattica”

0
22

Lecce – Alla vigilia della gara di andata delle semifinali playoff di Serie B, mister Corini si è presentato in sala stampa per presentare la sfida di Venezia: “Gli infortunati stanno recuperando la migliore condizione, non vogliamo forzare. Pettinari sta bene ma lo rivedremo nella gara di ritorno. Rodriguez ha avuto un risentimento muscolare, gli esami hanno scongiurato situazioni peggiori, anche lui dovrebbe farcela per giovedì. Tachtsidis ha svolto quattro sedute in differenziato, ora è tornato a disposizione“. Il Venezia è arrivato alla semifinale dopo aver battuto il Chievo in una gara molto dispendiosa: “I liguri sono arrivati ai playoff dopo un ottimo percorso. Hanno battuto il Chievo mettendoci carattere. Noi vogliamo fare la nostra gara mettendo mentalità e abnegazione. Non sarà semplice. Durante la stagione regolare, abbiamo ottenuto un pareggio e una vittoria. All’andata, avremmo potuto vincere dopo una grande ripresa. Abbiamo lavorato per battere il Venezia. Sappiamo quali sono le loro qualità, creano tanta densità in area e sfruttano molto i cross dalle fasce. Dobbiamo ragionare nell’ottica dei 180 minuti“.

Ad Empoli, mister Corini ha sperimentato moduli alternativi al 4-3-1-2: “Abbiamo pensato all’eventualità di giocare con il doppio trequartista vista la pochezza di punte. Abbiamo solo Yalcin come alternativa a Coda e Stepisnki. Ho provato anche Mancosu un po’ più avanzato. Devo dire che con il 4-3-2-1, applicato contro l’Empoli nel girone di andata, non abbiamo fatto una gran figura. Il 3-5-2 ci riesce meglio anche se il modulo di base resta il 4-3-1-2“. Qualcuno crede che si possa già pensare ad un bilancio: “Non si fanno ora. Guardiamo dove siamo e cosa c’è ancora da fare. Abbiamo ottenuto i playoff che sono un grande risultato. Ora, pensiamo alla prossima sperando di uscire vincenti dalla doppia sfida. Dopo penseremo al resto“.

La difesa è il reparto che ha, oggettivamente, più uomini di esperienza: “Ho centrali dalle grandi qualità. Lucioni è stato il titolare, Dermaku è stato fermato dai vari infortuni, ora c’è e mi dà una certa sicurezza. Meccariello ha fatto una grande stagione. Pisacane si è sempre fatto trovare pronto quando è stato chiamato in causa. Per le scelte, farò una valutazione complessiva“. La chiave di questa squadra per tutto il campionato è stato l’equilibrio: “Siamo sempre andati alla ricerca. Noto un netto miglioramento rispetto al girone di andata, lo dicono anche i numeri. Abbiamo lavorato tanto sul fattore casa, dobbiamo essere bravi a leggere bene la partita dal punto di vista tattico. Fuori casa lo facciamo molto bene, in casa, invece, molte volte, abbiamo perso l’equilibrio“.