Campi Salentina, i telescopi di Egidio Zacheo battono i droni di Massimo Como

0
2229

foto copertina

Campi Salentina (Le) – Pomeriggio thriller quello trascorso presso la scuola elementare sita in Piazza Giovanni XXIII, sede dell’unico seggio elettorale di Campi, dove si è svolto lo spoglio per le comunali e che ha visto l’epilogo della campagna elettorale più partecipata e combattuta degli ultimi anni.

La corsa fino al traguardo finale è iniziata alle 14.20 e da allora, in un susseguirsi di volate e sorpassi, è stato un continuo alternarsi di risultati che hanno messo a dura prova le coronarie dei candidati delle due coalizioni in lizza, prova della passione che i campioti hanno profuso in questa campagna elettorale. Tutti, comunque, consapevoli del momento cruciale per la vita futura della loro città. Ad intervalli più o meno regolari dalle sezioni sono arrivate le veline da chi contava i voti, nella maniera tradizionale per Ripartiamo da Campi, con i risultati proiettati sul maxischermo per  quelli di Grande Campi

Durante spoglio delle schede, abbiamo chiesto ad alcuni dei presenti – a semplici cittadini ed anche ai componenti i due schieramenti – di raccontarci le loro impressioni. Dalle risposte abbiamo colto, oltre alla voglia di vincere, un pensiero concreto per il futuro di Campi, a prescindere da chi sarebbe stato al governo della città per il prossimo quinquennio. 

Giunti al termine della conta, in un finale testa a testa, mentre tutta Campi era radunata in piazza col fiato sospeso, vince al photofinish per una manciata di voti Egidio Zacheo, da ieri nuovo Sindaco di Campi Salentina.

{gallery}Gallerie/zacheosindaco{/gallery}

Forse qualcuno potrà mettere in discussione questa vittoria. A nostro avviso sarebbe giusto meditare sui motivi che hanno portato ad un esito che per molti poteva sembrare improbabile. Una vittoria anche se di un soffio è sempre una vittoria.

“Il cambiamento noi lo abbiamo iniziato e continueremo, coinvolgendo la cittadinanza e l’opposizione nella vita amministrativa, nelle modalità giuste. Perché saremmo fuori strada se pensassimo che undici consiglieri e quattro assessori possano portare avanti un progetto così vasto”. Questa la dichiarazione a caldo di Egidio Zacheo, che ha confermato ciò che aveva detto sin dall’inizio della campagna elettorale, durante la presentazione della sua coalizione.

Tra i candidati di Ripartiamo da Campi i più suffragati sono stati: Alfredo Fina con più di 1000 voti e Rita Calliari con 600 voti. Per Grande Campi, invece, la più suffragata è stata Laura Palmariggi con 718 voti, seguita da Serena Assenzio con 560 voti.

L’obiettivo, dichiarato dalle due coalizioni, è il perseguimento del rilancio di Campi. Una volta passato lo tsunami elettorale, coloro che dovranno amministrare la città hanno il diritto/dovere di governare coadiuvati dall’opposizione, che, dal canto suo, ha il dovere di perseguire la sua progettualità. Il tutto finalizzato al benessere di quei cittadini da cui sono stati assunti per amministrare, ciascuno nel proprio ruolo, il bene comune, Campi.

{loadposition addthis}