Novoli, Nitto e Pella: “I gruppi che fanno da opposizione all’opposizione di Novoli in Comune sono stampelle della maggioranza ormai allo sfascio più totale”

0
262

Novoli (Le) – A pochi giorni dalla nascita del nuovo gruppo consiliare formato dall’assessore Gianni D’Ambrosio insieme alle oramai ex consigliere di opposizione, Annaviola Gravili e Federica Pezzuto, e all’indomani delle esternazioni della Presidente del Consiglio Comunale di Novoli, Simona Rizzo e dell’assessore Sabrina Spedicato, giungono le dichiarazioni di Roberto Nitto e Piero Pella, consiglieri di minoranza nel gruppo Novoli in Comune per una valutazione di quanto venuto a determinarsi e rendere pubblico nel recente ultimo Consiglio a Palazzo di Città in Piazza Aldo Moro.

“Chiunque in consiglio o fuori dallo stesso trasferisce le tende accanto alla maggioranza in attesa di sostituire, verosimilmente, parte della maggioranza o di candidarsi in futuro con l’attuale maggioranza non avrà nulla a che vedere con il progetto politico alternativo di Novoli in Comune – questa la nota di Nitto e Pella.

“Siamo disponibili sempre a coordinarci con le altre opposizioni anche extra consiliari ma non siamo disponibili a farci prendere in giro da altre opposizioni consiliari ed extra consiliari o da altri gruppi interni ed esterni all’Assise comunale creati ad orologeria ad un anno dal voto che, molto probabilmente, faranno oggi o in futuro da stampella forse all’attuale maggioranza in crisi. Il tempo ci darà ragione. Noi non inseguiremo mai chi ha altre agende politiche rispetto alle nostre. Chi passa tre quarti del tempo a parlare male e a fare opposizione all’opposizione in consiglio o fuori crediamo sia una stampella della maggioranza. Noi abbiamo confermato in aula il nostro sostegno ai cittadini e alle famiglie novolesi con interrogazioni sullo stato dei servizi sociali, sulla programmazione economica e sulla progettazione della Novoli del futuro allontanandoci da polemiche e litigi su deleghe e poltrone che stanno distruggendo letteralmente un dialogo con i cittadini che ormai si è ridotto ai minimi termini per l’amministrazione cadente di De Luca”.