BiblioPride 2014: parte da Lecce la rassegna alla scoperta del rapporto fra cittadini e biblioteche

0
760

BIBLIOPRIDE

Lecce – Avrà luogo dal 4 al 31 ottobre la terza edizione di BiblioPride, la Giornata Nazionale delle Biblioteche, promossa dall’AIB (Associazione Italiana Biblioteche), e che quest’anno ha scelto Lecce come sede della sua giornata inaugurale, sabato 4 ottobre.

Una vera e propria festa, a cui saranno chiamati a partecipare, oltre ai bibliotecari e a tutti coloro che lavorano nel mondo dell’editoria, i cittadini, gli scrittori, gli amanti della letteratura in generale.

Diversi saranno gli spazi della città in cui si potrà discutere della sinergia fra musei, archivi e biblioteche, parlare di valorizzazione di un ricchissimo patrimonio culturale, come quello artistico e letterario, e riscoprire un vero e proprio legame fra biblioteche e cittadini. Numerose saranno anche le iniziative collaterali che accompagneranno tutto il progetto fino alla fine del mese di ottobre: workshop didattici per bambini, visite guidate all’interno degli archivi, presentazioni di libri e tavole rotonde, il tutto grazie anche alla collaborazione di musei e biblioteche disseminati sul territorio italiano.

Per quanto riguarda la giornata inaugurale a Lecce, sabato 4 ottobre, due saranno i luoghi fulcro di BiblioPride. Il primo è il MUST, Museo Storico, che a partire dalle 9.30 ospiterà un meeting dal titolo “Sinergie tra musei, archivi, biblioteche: profili di buone pratiche e problematiche gestionali per la valorizzazione del patrimonio culturale”. Aprirà i lavori Loredana Gianfrate, di AIB Puglia, l’incontro sarà coordinato da Stefano Parise, direttore del Settore Biblioteche del Comune di Milano, e interverranno, tra gli altri, Alessandro Laporta, direttore della Biblioteca Provinciale di Lecce, Emanuela Guidoboni, del Centro Euro-mediterraneo di Documentazione Eventi Estremi e Disastri, ed Enrica Manenti, presidente di AIB Italia.

Dalle ore 12, e per tutta la giornata, sarà invece la Biblioteca Provinciale “N. Bernardini” di Lecce ad ospitare gli incontri: il primo, promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, dal titolo “I bambini e la lettura: il progetto In Vitro a Lecce”. Obiettivo del progetto è quello di aumentare il numero dei lettori abituali in Italia, stimolandoli fin da piccoli, e l’iniziativa, ancora a livello sperimentale, sta coinvolgendo sei territori: la regione Umbria, e le province di Biella, Nuoro, Siracusa, Ravenna e Lecce.

Nel pomeriggio, sempre presso la Biblioteca Provinciale, sarà possibile assistere, a partire dalle 17.30, a un incontro dal titolo “Le biblioteche hanno valore sociale: testimonianze istituzionali e del mondo della cultura”. Sarà infatti proiettato un video di Corrado Augias, testimone ufficiale di BiblioPride 2014, e verrà lasciata la parola agli operatori del mondo della cultura, a cominciare dal sindaco del Comune di Lecce, Paolo Perrone, insieme, fra gli altri, ad Airan Berg, coordinatore artistico di Lecce 2019, al regista Edoardo Winspeare, alla giornalista e scrittrice Luisa Ruggio, al sindaco di Corigliano d’Otranto, Ada Fiore, e a diversi altri esponenti del mondo delle istituzioni, dell’arte, dello spettacolo.

In serata, infine, a partire dalle 21, la Biblioteca Provinciale si riempirà di performance artistiche, cominciando dalle “Letture al buio”, in braille, ad opera di Luigi Mangia, che reciterà versi di Vittorio Bodini, per passare poi ad alcune rappresentazioni teatrali, a cura di Michele Santeramo e della compagnia Corte dei Miracoli, e terminando con alcuni testimonial provenienti dal mondo della musica come Nandu Popu dei Sud Sound System, Carolina Bubbico, Crifiu, Cesco degli Après la Classe.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous article“Una Canzone per i nonni”:Trepuzzi festeggia i nonni con la musica
Next articleIl Novoli torna a casa: “Toto Cezzi” pronto per domenica