Dal 1980 al 2023, la “Storia di Novoli” di Mario De Marco, ancora oggi punto di riferimento per gli storici: il 23 gennaio la presentazione del libro nella parrocchiale di S. Andrea Apostolo

0
55

Novoli (Le) – Nel 1980 un giovane (ma già affermato) scrittore e giornalista dal nome Mario De Marco, decide di scrivere “Storia di Novoli”, una ricerca profonda ed organica sul Comune del nord Salento che gli ha dato i natali. Dall’età arcaica fino ai giorni nostri, De Marco ha tracciato un quadro chiaro ed esaustivo che spiana la strada ai giovani validi studiosi che hanno continuato una ricerca dal carattere enciclopedico.

Martedì 23 gennaio 2024, alle ore 19, nella chiesa Madre di Novoli, la Parr. S. Andrea Apostolo, sarà presentato il volume edito dal Centro Studi De Marco, alla presenza del figlio Flavio, giornalista e direttore responsabile de “Il corriere salentino” insieme a Fabio Scrimitore, già Provveditore agli Studi e Gilberto Spagnolo, già dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Novoli.

Modera la conferenza, Antonio Soleti, direttore responsabile di Paisemiu.com

Mario De Marco ha scritto oltre settanta storie municipali dei comuni della Provincia di Lecce ed è pressoché impossibile che gli studiosi che sono venuti e che verranno dopo di lui non si debbano imbattere nelle “sudate carte” di quello che fu il suo primo studio in Via Monteroni, ovvero la sua storica abitazione ed il leggendario studio di Corte dei Rodi al centro di Lecce.

Gli studi su Novoli non sono soltanto contenuti in “Storia di Novoli”, vi sono diversi articoli accademici, contributi su giornali legati alla festa patronale dedicata a “Sant’Antoni de lu Fuecu”, su riviste specializzate come “Lu Lampiune” edito da Del Grifo, da Rassegna e Memoria edito da Capone ed altre innumerevoli interviste sulla stampa locale.

L’autore iniziò a custodire e infoltire gli studi della storia patria proprio quando il rullo compressore della globalizzazione stava minando il mondo della Tradizione ed in nome di quest’ultima, Mario De Marco, continuò a perseverare sulla sua strada di riscopritore delle origini, della piccola patria, della propria identità. Proprio quella identità di cui tanto si parla all’ombra della grande pira, quell’identità che riecheggia quanto di saggio e buono c’era nella civiltà contadina del nord Salento. Quanto fosse nobile l’origine di Novoli e quanto fosse importante nei secoli la vicenda complessiva di questo luogo è ampiamente espresso nel volume di cui si narrerà martedì sera.

Nel 2015, decise di rinnovare ed attualizzare quello scritto, “Storia di Novoli” e così fu. A distanza di otto anni, Mario De Marco “rivive” e consegna attraverso questo “pesante” scritto, un lavoro complessivo che funge da pietra miliare per gli storici di oggi e di domani. Per coloro che possono continuare, snellire, comunicare, divulgare o, perché no, anche confutare, un’opera attinta da testi e documenti, da materiale d’archivio, testimonianze e vita vissuta.

L’editore ha unificato, in questa pubblicazione, “Storia di Novoli” e “Novolesi”, quest’ultima opera dedicata ai personaggi illustri di Novoli, coloro che hanno determinato un più-che-vita nel proprio percorso umano e professionale, coloro che hanno lasciato una pesante eredità.

Oggi, nell’ambito delle festività della “Fòcara” 2024, l’amministrazione comunale di si è dimostrata sensibile alla ristampa di questo libro anche nel bel mezzo dei festeggiamenti sacri e civili della comunità novolese, un impegno che inorgoglisce e che restituisce a Mario De Marco un po’ di quell’amore profondo che aveva per il suo paese di origine.