Stroncato da un malore, muore in campo Alessio Miceli 34 anni calciatore del Soleto.

0
734

Incredibile, inverosimile, terrificante ciò che è accaduto di nuovo su un campo di calcio. Durante l’incontro tra Soleto e Don Bosco Corigliano, valevole per la 17esima giornata del campionato di seconda categoria, Alessio Miceli, di 34 anni, è morto dopo essere stato colto da malore. I presenti sono rimasti scioccati dalla sequenza d’immagini che si sono presentate davanti ai propri occhi; la scena è la fotocopia di quella di Piermario Morosini.

Miceli, si è sentito male, si è accasciato al suolo, ha tentato di rialzarsi per poi ricadere. Non sono serviti a nulla i soccorsi del 118, prontissimi, che hanno tentato numerose volte di rianimare il malcapitato, ma non c’era più nulla da fare; Alessio era già volato via, con la leggerezza di una piuma a bordo della cinica macchina della morte. Aneurisma o infarto è il nome del mostro che ha divorato questa giovane vita. Il funerale avrà luogo a Soleto, Lunedì alle ore 15.

Paisemiu.com si associa al dolore che ha colpito la famiglia Miceli per la grave perdita.

(Fonte: Puglia Calcio24)

 

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleMisterioso incendio, oggi a Novoli: dato alle fiamme il cassonetto indumenti usati della Caritas
Next articleLa Shoà: il compimento di un progetto millenario