Porto Cesareo, “Il progetto che verrà è quello da scrivere assieme”. Un convegno per la rinascita de La Strea (2)

0
133

Convegno La StreaPorto Cesareo (Le) – È stato sentito e partecipato il convegno “La rinascita della Strea”, organizzato dal comitato di quartiere “La Strea” in sinergia con l’Amministrazione Comunale e svoltosi nella mattinata di ieri, 14 Dicembre 2014,  nella Sala Consiliare del Comune di Porto Cesareo.

Diversi e variegati gli interventi dei relatori invitati al convegno. Il presidente pro tempore, Dino Zonno, ha parlato di un assegno di 4.000 euro, cifra  di avvio ad una collaborazione duratura e solida con il Comune di Porto Cesareo.

Il Presidente Fondatore, Eliseo Trombetta,  definendo Porto Cesareo uno dei posti più belli del mondo, si è voluto rivolgere a chi, nel corso di questi decenni, ha distrutto la bellezza naturale de “La Strea” dicendo: “Oggi se ne può ravvedere con un principio di collaborazione poiché l’unione partecipata fa la forza”.
L’ing. Coalberto Testa, coordinatore dello staff tecnico intersettoriale che agisce a supporto di quello dei cittadini ha detto di voler arrivare a risanare, tramite Piani di intervento per il recupero territoriale (PIRT),  le situazioni più complesse che sono nate  lungo quel tratto di costa. “Non è solo un progetto tecnico – afferma – ma è soprattutto un progetto partecipativo. Si tratta di mettere insieme un gruppo di cittadini in modo tale che diventino parte attiva e propositiva del tutto. L’insenatura della Strea è, secondo la suddivisione in zone dell’Area marina protetta, una zona C o  di riserva generale, dove in teoria sarebbe permessa la pesca sportiva – con l’eccezione della pesca subacquea in apnea – ma in pratica non è concesso pescare nulla” ha concluso  Testa.  Trasparenza, competenza e ripristino della legalità sono le tre carte vincenti di questo comitato di quartiere.

La parola poi è passata al sindaco di Porto Cesareo, Salvatore Albano, il quale, con entusiasmo, ha affermato che le “tasche comunali” hanno capito l’importanza dell’intervento di risanamento della Strea e con convinzione  ha rimarcato l’unicità del territorio di Porto Cesareo. 

Il territorio è importante anche per l’agente di Sviluppo, Giovanni Aventaggiato: “Dobbiamo rimanere qui e cambiare qualcosa. La nostra, nonostante tutto, rimane una terra bellissima. Se c’è un concetto che è fondamentale è quello della partecipazione di persone che costituiscono una comunità, elemento di forza del cambiamento. Vogliamo accogliere ciò che gli abitanti hanno nella loro mente e far disegnare loro, uno per uno, il loro progetto“. 

“Planning for deal” così ha definito l’architetto Romano Rizzo il lavoro di partecipazione dei cittadini di tutte le fasce d’età atto a progettare il territorio al livello urbanistico attraverso un plastico. “L’urbanistica non va lasciata solo agli urbanisti” ha affermato. Si è soffermata sul ruolo della comunicazione la Dott.ssa Francesca D’Amanzo, “voce rosa” del comitato: “Comunicare è partecipare,  operare nella legalità. Oggi è grazie alla comunicazione che tutti quanti si siedono intorno ad un tavolo partecipato, ognuno mettendo a disposizione ciò che sa meglio fare”.

Luciano Muci, continuando sul tema della comunicazione, ha mostrato ai presenti il nuovo sito web del comitato, tutto incentrato sulla visibilità e sulla voglia di condividere il bello, quindi la Strea stessa.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce-Martina. L’analisi: singoli in calo, partita persa su tutti i fronti
Next articleMelodie sotto l’albero a Cellino S. Marco