Dal 11 gennaio, al teatro di Novoli, torna la stagione di prosa e danza (2)

0
30

Emozioni da teatro

Novoli (Le) – È al via la seconda stagione del Teatro Comunale di Novoli, con un cartellone ricco di appuntamenti, che si snoderanno da gennaio a maggio muovendosi tra la prosa, la danza e la musica. 
Promossa da Comune di Novoli, Fondazione Fòcara, Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con Factory Compagnia Transadriatica e con il sostegno di Società Agricola Calcara e Cantine De Falco, e dopo l’emozionante prologo di dicembre, con lo spettacolo Parkin’son, la rassegna si aprirà Domenica 11 gennaio con PSYCHOKILLER di Ippolito Chiarello e Walter Spennato, esilarante thriller teatrale dell’attore salentino Ippolito Chiarello in scena con il musicista Raffaele Casarano.

La rassegna, dal carattere multidisciplinare proseguirà con LIQUID AND BLACK, un concerto in viaggio tra jazz, rock e afro music, accompagnato dai musicisti Gaetano Partipilo, Francesco Cinquepalmi, Michele Perruggino, che segna il ritorno del regista Paolo De Falco.

Il 24 gennaio, in replica anche il 25,  ritorna il SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE, la visionaria commedia Shakespeariana, nella fortunatissima versione di Factory, con la regia di Tonio De Nitto ed un affiatatissimo gruppo di attori italiani e balcanici.
Il 13 e 14 febbraio la compagnia La Fabbrica dei Gesti presenterà in prima nazionale lo spettacolo OLTREMUNDO, un viaggio per attrici, danzatrici e musicisti di grande impatto, diretto da Marcelo Bulgarelli.
Il 21 febbraio Christian Di Domenico ci condurrà nell’emozionante vicenda di U PARRINU – LA MIA STORIA CON PADRE PINO PUGLISI UCCISO DALLA MAFIA.
Il 7 marzo la compagnia Corte dei miracoli di Maglie, diretta da Fabrizio Saccomanno, metterà in scena  ARSENICO E VECCHI MERLETTI, un classico dello humour nero, mentre il 14 marzo Licia Lanera di Fibre Parallele, già premio Ubu, presenterà LO SPLENDORE DEI SUPPLIZI, spettacolo ispirato al genio di Foucault, che ha riscosso in tutta Italia straordinari consensi di critica e pubblico.
Sabato 11 aprile la potente e affascinante narrazione di Daria Paoletta ci porterà a ripercorrere le origini del mito di AMORE E PSICHE  e a conoscerne ogni singolo personaggio in quel suo modo poliedrico di raccontarceli quasi fossero veri.
Venerdì 17 aprile, e in replica Sabato 18, Fabrizio Saccomanno presenta in anteprima GRAMSCI Antonio detto Nino, il nuovo spettacolo, scritto a quattro mani con Francesco Niccolini, sulla vita di Antonio Gramsci. Ultimo appuntamento sarà il debutto nazionale di OPERA NAZIONALE COMBATTENTI di Principio Attivo Teatro, scritto da Valentina Diana e tratto dalle pagine incompiute dell’ultimo atto de “I giganti della Montagna” di Pirandello.

Due gli appuntamenti della rassegna Teatro per diletto: venerdì 24 aprile ANTIGONE, il potere dei legami, della compagnia Macaria per la regia di Marco Antonio Romano e LA NUOVA COMMEDIA A SORPRESA della storica compagnia Mario Teni prevista domenica 24 maggio.

La stagione teatrale 2015 si completa con la rassegna domenicale CI VUOLE UN FIORE a teatro con mamma e papà, giunta alla terza edizione e la rassegna per le scuole LA SCENA DEI RAGAZZI, il cui programma sarà reso noto in seguito. 

È prevista una formula di abbonamento a otto spettacoli e un servizio bus navetta per alcuni degli appuntamenti del cartellone. Una stagione di grande interesse e pregio artistico, dunque, una programmazione capillare rivolta a diversi target: è così che Novoli rafforza la sua identità di polo culturale per il Nord  Salento, che guarda oltre la Fòcara. Il Teatro Comunale ridiventa il centro della comunità, luogo di narrazione di radici e di storie, di differenze e identità, luogo di incontri, arrivi e partenze e anche di residenze artistiche. Ed infatti la stagione che presentiamo ospita, assieme agli ospiti più lontani, anche alcuni artisti, come Marcelo Bulgarelli con la sua Compagnia, Fabrizio Saccomanno e Principio Attivo Teatro, che hanno scelto il Teatro Comunale di Novoli per ultimare i propri allestimenti e hanno trascorso nella piccola cittadina diversi giorni di lavoro.

L’iniziativa merita il dovuto plauso e grande attenzione, in quanto, nonostante il grave momento di crisi, offre spunti di gioia, riflessione e cultura in un territorio, il Salento, che vuole fare della Cultura uno dei propri punti di forza.

{loadposition addthis}