Giornata Mondiale dei Poveri: le iniziative nella Diocesi di Lecce

0
10

Lecce – Anche la Chiesa di Lecce in prima linea domenica 18 novembre quando in tutto il mondo si celebra la seconda Giornata dei poveri che Papa Francesco ha istituito al termine del Giubileo della misericordia per sensibilizzare sull’accoglienza e sulla generosità verso le persone in condizione di bisogno.

Tema della giornata, “Questo povero grida e il Signore lo ascolta” ed è un invito ad incontrare fratelli e sorelle in condizione di emarginazione, un’opportunità di riflessione e di Grazia per scoprire la bellezza della Carità e dell’insegnamento evangelico.

Tra le iniziative spicca quella della Casa della carità che per la Giornata, allo scopo dir sensibilizzare e coinvolgere la città e la diocesi, invita a portare entro domenica mattina 18 novembre alle ore 12 nella sede dell’omonima Fondazione in Corte Gaetano Stella a Lecce, doni di ogni genere ma soprattutto buoni pizza, scarpe, sciarpe, viveri, effetti personali… Ma anche regali culturali: libri, biglietti cinema, teatro, musica ecc.

I regali saranno distribuiti durante il pranzo nella mensa che accoglie in media ogni giorno circa ottanta persone. Segni e doni perché ciascuno possa sentirsi riconosciuto nella propria identità, in un momento di condivisione ed anche di ringraziamento per il dono della loro presenza.

Particolarmente graditi sono perciò i doni “culturali”, biglietti per il cinema, libri e simili, ad integrazione dei percorsi di supporto di tipo culturale curati dalla Fondazione diocesana “Casa della carità”, fonda- mentali per arricchire la persona e promuoverne la dignità.

Portalecce, il quotidiano online della diocesi, sostiene l’iniziativa che si inserisce nell’ambito di altre opere in varie parrocchie della diocesi: a San Massimiliano Kolbe in Lecce, ad esempio, Tavola dell’amicizia a mezzogiorno di domenica in chiesa dopo una raccolta viveri effettuata la scorsa settimana in previsione dell’evento.

Tutte le iniziative culmineranno sempre domenica 18 nella messa presieduta alle 11,30 in Cattedrale da mons. Cristoforo Palmieri, vincenziano e vescovo emerito di Rrëshen in Albania, e nella grande “Festa dell’ascolto” organizzata dalla Famiglia vincenziana, presso la chiesa dell’Idria.