Porto Cesareo: pesca di frodo, scattano multa e sequestro

0
443

pesca di frodo Porto Cesareo (Le) – Il 15 Settembre 2014 il Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta Porto Cesareo ha stipulato una convenzione con la Capitaneria di Porto di Gallipoli al fine di intensificare il controllo riguardo la pesca di frodo e le mancate autorizzazioni di pesca e ormeggio.

Nonostante ciò, nella mattinata di ieri,  il personale addetto al monitoraggio dell’AMP Porto Cesareo, congiuntamente con i militari dell’ufficio locale marittimo, hanno fermato e sanzionato per diverse migliaia di euro un sommozzatore intento alla pesca del riccio, pratica vietata nella riserva.

Al suddetto pescatore di frodo è stato inoltre effettuato il sequestro dell’attrezzatura e del pescato.

A completamento dell’esigenza di tutela contro gli illeciti ambientali e sul patrimonio ,a breve, entrerà in funzione il sistema di video sorveglianza sulle Torri costiere dell’AMP.

La videosorveglianza intelligente dell’area, si inserisce nel progetto PON Sicurezza, che  si propone di restituire alle antiche torri costiere il ruolo di “vedette” per la salvaguardia dell’ambiente marino e terrestre.

Il  sistema di telecontrollo, a basso impatto visivo ma ad altissima tecnologia, composto da due Radar per la rilevazione di intrusioni nelle zone interdette (sulle torri Squillace e Santo Isidoro) e 6 telecamere con visione diurna/notturna, consentirà un monitoraggio capillare a supporto delle operazioni di controllo delle Forze dell’Ordine.

Questa Riserva Marina dello Stato  infatti – terza per estensione in Italia, con i suoi 16.654 ettari di superficie marina e una linea di costa di circa 32 chilometri –  è stata oggetto di diversi e ripetuti attacchi: abusi edilizi, conferimento abusivo di rifiuti, pesca illegale, caccia di specie protette.

{loadposition addthis}

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce-Reggina: le pagelle. Re Mida Della Rocca, sontuoso Lopez
Next articleGrande Campi: recount?