Abolizione del Corpo forestale dello Stato. Andrea Guido: “Non si cancellano con un tratto di penna 192 anni di storia”

0
457

Corpo Forestale dello StatoLecce – Il Corpo Forestale dello Stato sarà abolito e il suo personale transiterà in altri corpi. Succederà non appena il testo della riforma della Pubblica Amministrazione sarà definitivamente votato dalla Camera la prossima settimana per poi transitare al Senato per la definitiva approvazione. Grazie a un emendamento del relatore Francesco Carbone (Partito Democratico) viene approvata la decisione di assegnare molti dei mezzi del Corpo Forestale dello Stato ai Vigili del Fuoco mentre il personale in servizio ad altre forze di polizia o anche alle Pubbliche Amministrazioni.

“Appare poco probabile che si riesca a garantire lo stesso livello di tutela dell’ambiente e del benessere della fauna senza il Corpo Forestale, struttura che svolge in modo precipuo questa funzione. A differenza di quanto ritiene il governo Renzi, il CFS ha svolto funzioni preziose nella nostra società, ma, a quanto pare, sarà presto smembrato e diventerà l’ennesima vittima della cattiva gestione delle risorse pubbliche e di una spending review incapace di intervenire su quelle che sono le falle e i principali difetti dell’amministrazione pubblica, come incarichi esterni e stipendi dirigenziali che non trovano eguali in tutta Europa.

Andrea GuidoNon si cancellano con un tratto di penna 192 anni di storia del glorioso Corpo Forestale dello Stato. Il Disegno di Legge di riorganizzazione delle Amministrazioni Pubbliche  prevede lo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato ed il passaggio (poco chiaro e tutto da stabilire) in altra arma o forza senza tenere conto che si tratta dell’unica forza di polizia ad ordinamento civile specializzata nella tutela del patrimonio naturale e paesaggistico, nella prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale e agroalimentare. 

In particolare, qui a Lecce, posso tranquillamente affermare che senza l’ausilio o l’intervento della Forestale giammai saremmo riusciti a risolvere innumerevoli problemi e questioni legate alla tutela dell’ambiente, del paesaggio e degli animali. Fondamentali sono sempre stati gli interventi del nucleo di Lecce per la difesa del patrimonio boschivo dagli incendi, per la tutela della fauna selvatica, per la prevenzione e la repressione delle violazioni in materia di benessere degli animali, per il controllo sul commercio internazionale delle specie di fauna, di flora e di animali d’affezione ma anche e, soprattutto, per la tutela e difesa del paesaggio in riferimento ai reati di abusivismo edilizio, soprattutto, lungo la nostra costa. 

Chi garantirà allora, da un giorno all’altro, gli attuali livelli di presidio dell’ambiente, del territorio e del mare e della sicurezza agroalimentare e la salvaguardia delle professionalità esistenti? Questo, il nostro premier, impegnato com’è sulla scena internazionale, ha avuto il tempo di chiederselo?”

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleEstate tecnologica: arrivano a Lecce i primi corsi gratuiti di stampa 3D per adulti e bambini
Next article“…e vennero dal mare”… Parte martedì 21 luglio la rassegna cinematografica a Porto Cesareo