Lecce, 2-1 al Nardò nel test amichevole in vista dell’esordio in campionato

0
336

Della RoccaNardò (Le) – Un intenso pomeriggio di calcio è andato in scena al “Giovanni Paolo II” di Nardò, teatro del test amichevole di giornata tra il Lecce, intento a proseguire la propria tabella di marcia in vista dell’esordio in campionato, e i padroni di casa, pronti a ripartire dall’Eccellenza dopo la radiazione dello scorso novembre e l’inaugurazione del nuovo corso a guida del presidente Fanuli. Il 2-1 finale con il quale il Lecce si è imposto nell’inedito arco di 120’ (due tempi da 45’ e terzo tempo da 30’) ha registrato particolari da registrare e qualche sicurezza dalla quale costruire la preparazione alla partita contro la Lupa Roma.

La partita di oggi ha evidenziato qualche sbavatura in difesa, specialmente in fase di disimpegno. La coppia centrale Brunetti-Sacilotto è andata in crisi in avvio in due occasioni, ma un riflesso di Petrachi al 1’ e la scarsa vena realizzativa delle punte neretine hanno impedito il gol nella prima frazione di gioco alla squadra granata. In avanti, Carrozza da solo ha impensierito l’intero impianto difensivo del Toro, ma a tratti è apparso avulso dagli schemi, vista la poca coordinazione dei movimenti dei compagni sulle azioni dell’esterno gallipolino. Il duo d’attacco Moscardelli-Della Rocca, invece, ha sfoderato buoni numeri, con il “Mosca” e l’ex Carpi intercambiabili nel ruolo di prima punta e pronti a lanciare i compagni di fascia. L’1-0 con il quale si è concluso il primo tempo è maturato grazie ad un gol del bomber di Mons, bravo a raccogliere una respinta di Caroppo su colpo di testa di Della Rocca. Nel secondo tempo, i cambi hanno un po’ sporcato i ritmi e gli schemi e non si è andati al di là di un paio di occasioni da gol per il Lecce, ampiamente padrone del campo a differenza della prima frazione. Nell’inedito terzo tempo è arrivato prima il pari neretino a seguito di un errore condiviso tra Risolo e Petrachi, con il centrale mesagnese che restituisce all’estremo difensore un pallone insidioso che sfugge allo stop. Poco dopo il 2-1 di Gaetani (bella girata su cross di Doumbia) ha chiuso la contesa ed ha evitato al Lecce il pari.

Nardò (4-2-3-1): Caroppo (46’Picco, 91’Liaci), De Giorgi (79’Gigante), Antico (65’Coccioli), Romeo(46’ De Icco), Mancarella (71’Fasiello); Vicedomini (81’ De Razza S.), Franco (64’Di Silvestro); Palmisano (81’Longo), De Razza A. (73’Frisenda), Caporale (62’Bozzi) ;Rana (87’ Romeo). All. Mosca

Lecce (4-4-2): Petrachi; Donida (91’Martinez), Sacilotto (46’Abruzzese, 91’Risolo), Brunetti (46’Martinez), Rullo (46’Lopez); Rosafio (46’Doumbia), Salvi (46’Lepore), Amodio (46’Montinaro), Carrozza (46’Cicerello); Della Rocca (46’Persano), Moscardelli(46’Gaetani). All. Lerda

Reti: Moscardelli 22′, 105’ aut. Risolo, 112’ Gaetani 

{loadposition addthis} 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articlePremio Terre del Negroamaro: la gaffe è servita
Next articlePremio Terre del Negroamaro: l’avvocato Paolo Maci rettifica