Premio Terre del Negroamaro: la gaffe è servita

0
51

Guagnano TosiGuagnano (Le) – Caduta di stile ieri durante la serata di premiazione Terre del Negroamaro a Guagnano. A rincarare una situazione già abbastanza compromessa dalle varie polemiche scaturite in quest’ultimo periodo in merito al Premio destinato al Sindaco di Verona, Flavio Tosi, si aggiunge infatti una gaffe di non poco conto avvenuta proprio durante la premiazione del sindaco di Verona che ha visto protagonista l’avvocato Paolo Maci, ex presidente della Città del Libro di Campi Salentina  (Le). Invitato sul palco,  Paolo Maci ha fatto dono di un libro a Tosi facendo implicitamente pensare che ciò fosse un omaggio della Fondazione Città del Libro.

Immediata la reazione e la smentita di Fabio Sirsi, Presidente in carica della Fondazione, apparsa questa mattina sulla sua pagina fb, che, presente alla serata, è rimasto spiacevolmente sorpreso e imbarazzato da tutto ciò.fabio Sirsi“Ieri sera sono corso via basito nell’assistere a quanto stava accadendo a Guagnano durante la consegna del premio Terre del Negroamaro al sindaco di Verona Flavio Tosi. La Fondazione Città del Libro non ha nulla a che vedere con l’omaggio del libro che parla dell’esperienza di presidente fino al 2009, donato al sindaco Tosi perché rappresenta le eccellenze in Italia. Fino a quando avrò l’onore di rappresentare la Fondazione, pur nel rispetto delle persone e dei bravi amministratori come Tosi, la Città del Libro non omaggerà mai chi è stato condannato per idee razziste. La Cultura è contro le discriminazioni, è apertura mentale, è giustizia sociale. Un libro è uguale al nord, al centro e al sud; che sia bianco, nero o romeno chi lo legge, il libro regalerà sempre la stessa occasione per riflettere e per arricchirsi culturalmente”.

 

{loadposition addthis}

 

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleFesta di Oronzo Giusto e Fortunato: per riscoprirsi comunità diocesana e assaporare la Leccesità
Next articleLecce, 2-1 al Nardò nel test amichevole in vista dell’esordio in campionato