Lecce di misura, ma i playoff sono ancora a 3 punti

0
341

Martina Franca (Ta) – In quel di Martina Franca, il Lecce conquista tre punti e continua a sperare nei playoff che la matematica dà ancora per raggiungibili.

Bollini schiera schiera il 4-5-1 con Scuffia tra i pali; Beduschi, Vinetot, Diniz e Di Chiara in difesa; Mannini, Papini, Sacilotto, Bogliacino e Lepore a centrocampo dietro all’unica punta Doumbia. Il Martina Franca di Imbimbo scende in campo con il 4-4-2 con Bleve, De Giorgi, Samnick, Bucolo, Kalombo, Fabiano, Arcidiacono, De Lucia, Memolla, Pepe e Tomi.

Sin dai primi minuti di gioco, il Lecce gestisce bene il possesso palla ma, al quinto minuto, spreca un’occasione per passare in vantaggio con Doumbia che arriva in ritardo sul cross basso di Mannini. A fronte di un Martina concentrato nel difendere il prezioso pareggio che vorrebbe dire salvezza, il Lecce alza il ritmo nel tentativo di trovare una vittoria fondamentale per continuare ad alimentare le residue speranze di playoff. Al diciottesimo, il primo cambio viene effettuato dai padroni di casa che devono registrare il forfait di Pepe che lascia il posto a Pivkovski.

E’ al ventesimo che arriva la prima occasione da goal per i biancoazzurri con De Giorgi che, su suggerimento di Tomi, salta Di Chiara e Diniz ma non inquadra lo specchio della porta difesa da Scuffia.

A parte poche occasioni martinesi, a dettare i ritmi del gioco sono i giallorossi di mister Bollini che in avanti risultano poco incisivi ma sfiorano comunque il vantaggio al trentottesimo quando, su suggerimento di Lepore, Sacilotto svetta nel cuore dell’area di rigore e costringe Bleve a deviare in corner con un miracolo in tuffo fissando così il parziale del primo tempo sul risultato di 0-0.

Il secondo tempo inizia con l’ingresso in campo di Gustavo al posto di Di Chiara per il Lecce che al quinto sfiora ancora il vantaggio con Doumbia che, da posizione defilata, manda il pallone poco oltre il secondo palo. Due minuti più tardi ancora il Lecce fa tremare i tifosi di casa quando, su corner di Bogliacino, Diniz  colpisce bene di testa ma centra la traversa. La porta difesa da Bleve sembra stregata e sessanta secondi più tardi, sul rimpallo di Doumbia, è ancora il legno a salvare il risultato.

Il goal è nell’aria e arriva nel corso dell’azione successiva quando lo stesso Doumbia, di testa, colpisce ancora il palo ma il pallone finisce oltre la linea di fondo per il vantaggio giallorosso.

Per cercare di riequilibrare il match, mister Imbimbo manda in campo Caruso al posto di un buon Kalombo mentre, tra gli ospiti, Bogliacino lascia il posto ad Herrera e poco più tardi Lopez subentra a Sacilotto.

Nei minuti che portano al novantesimo, non viene mai messo in discussione il risultato che va bene ad entrambe le formazioni visto che il Lecce non viene ancora condannato dalla matematica alla permanenza in Lega Pro e il Martina conquista comunque la tanto inseguita salvezza grazie ai risultati negativi delle dirette concorrenti Ischia e Messina.