Lecce-Catania: presentazione e probabili formazioni

0
417

Lecce– Un big match per dare la prima gioia casalinga al caldo pubblico del “Via del Mare” dopo la sconfitta con l’Andria ed il pari contro la Casertana. Un big match per dare il primo scossone ad un campionato che rischia di iniziare sotto una cattiva stella. Lecce-Catania, partita che evoca ricordi di Serie A, è l’incrocio di cartello della quinta giornata di Lega Pro Girone C. Non ci saranno più Di Michele, Cuadrado, Muriel da una parte e Maxi Lopez, Almiron, Bergessio dall’altra e non ci saranno neanche i due tecnici di allora Di Francesco e Montella.

I diversi valori in campo però non sminuiranno la tensione di un impegno che potrà dire molto sul futuro prossimo delle due squadre. Il Lecce ha bisogno di non perdere contatto con i quartieri altissimi della classifica ed il Catania vuole mantenere il trend ad altissima velocità che ha permesso di azzerare la penalizzazione con tre vittorie in tre partite.

Lecce– Moscardelli e Curiale non saranno della partita. Il recupero delle due punte non sarà la lieta notizia che Asta si aspettava prima della settimana di preparazione. Pertanto, il tecnico ha virato verso un probabile 4-2-3-1 dove Abou Diop sarà ancora una volta il terminale offensivo. Dietro a lui si spera nel recupero di Doumbia, ancora non al meglio e in caso sostituito da Carrozza o Vécsei. L’eventuale scelta per il magiaro sposterebbe a sinistra Juan Surraco. Al centro del campo Suciu sostituirà lo squalificato Papini

Catania– Abbondanza per il Catania, in ritiro in quel di Copertino prima della partita del “Via del Mare”. Pippo Pancaro deve fare i conti soltanto con le condizioni non perfette di Russotto, partito comunque per il Salento e pronto a sedere in panchina. A sostituzione dell’ex Treviso si giocheranno un posto Falcone e Di Grazia. L’attacco sarà poi completato dallo spauracchio Calil e da Calderini, a segno contro il Lecce l’anno scorso con la maglia del Cosenza. Due gol siglati ai giallorossi sono anche il bottino di Scarsella, centrocampista con il vizio del gol che ha già realizzato quattro centi in questo avvio etneo. Bagarre in difesa: gli altri due ex Ferrario e Nunzella dovrebbero debuttare dal 1’, per il centrale c’è un ballottaggio con Pelagatti.

Le probabili formazioni: 

Lecce (4-2-3-1): Perucchini; Beduschi, Camisa, Freddi, Liviero; De Feudis, Suciu; Lepore, Surraco, Carrozza; Diop. A disposizione: Benassi, Bleve, Cosenza, Gigli, Legittimo, Pessina, Salvi, Vécsei, Cicerello, Doumbia. Allenatore Antonino Asta

Indisponibili Lo Bue, Moscardelli, Curiale

Squalificati Papini

Diffidati Nessuno

Catania (4-3-3) Liverani; Garufo, Bergamelli, Ferrario, Nunzella; Castiglia, Musacci, Scarsella; Falcone, Calderini, Calil. A disposizione: Ficara, Bacchetti, Bastrini, Parisi, Pelagatti, Agazzi, Russo, Russotto, Lulli, Plasmati, Barisic, Di Grazia. Allenatore Giuseppe Pancaro

Indisponibili Piermarteri

Squalificati Nessuno

Diffidati Nessuno

Arbitro Piccinnini di Forlì (Pellegrini-Stazi)

Stadio “Via del Mare” – Lecce, fischio d’inizio ore 17:30

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleA Lecce la prima giornata del Biologo Nutrizionista
Next article“Il Mare per le Conchiglie” tra passione, sofferenza e coraggio