A Lecce la prima giornata del Biologo Nutrizionista

0
782

12067393 10206781791136483 333024720 nLecce – Si terrà, sabato 3 ottobre prossimo, a partire dalle 9.00, nel centro di Lecce, la 1^ Giornata salentina del Biologo Nutrizionista, organizzata dall’ABiSa. Correggere gli errori alimentari ed indicare corretti stili di vita attraverso l’educazione alimentare è la priorità del progetto che vede l’impegno di Biologi Nutrizionisti del Salento consapevoli dell’importanza di diffondere corretta informazione sul proprio territorio. Presso lo stand ABiSa, sito in via V. Emanuele II, esperti nutrizionisti presteranno il loro contributo professionale volontario e gratuito per i cittadini interessati all’iniziativa. Nello stesso contesto sarà consegnato materiale informativo preparato preventivamente per l’evento. Durante la mattinata, inoltre, presso la sala Open Space del Comune di Lecce (in piazza Sant’ Oronzo), si svolgeranno degli incontri a tema con gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado a cura della Dott.ssa Elisabetta Raganato, del Dr. Martino Martellotta  e della Dott.ssa Chiara Bracciale, esperti Biologi Nutrizionisti. Noi di Paisemiu.com abbiamo incontrato la dott.ssa Barbara Natalizio, biologa nutrizionista, a cui abbiamo rivolto alcune domande.

Quali sono le finalità di questa manifestazione?

La Prima Giornata Salentina del Biologo Nutrizionista è stata voluta e organizzata dall’Associazione A.Bi.Sa. – Associazione Biologi Nutrizionisti Salentini, fondata dal12032852 10206781786176359 8707856316247576627 o dott. Martino Martellotta e dalla dott.ssa Elisabetta Raganato, che abbraccia le tre Province di Brindisi, Lecce e Taranto e di cui io sono un socio ordinario. L’Associazione è nata in seguito alla necessità di far comprendere in maniera semplice ed immediata che la “dieta” non è solo quella dimagrante ma è, soprattutto, tutela della salute e prevenzione delle malattie metaboliche oltre che piacere di gustare i piatti tipici della tradizione locale oppure quei ricercati gusti rielaborati in chiave moderna. Questa giornata è l’occasione per avvicinare il pubblico alla professione del Biologo Nutrizionista. Rappresenta un’opportunità per comprendere le basi e le qualità indiscusse della Dieta Mediterranea, di far conoscere i prodotti tipici del nostro territorio salentino.

Nell’ambito della nutrizione, qual è il ruolo del biologo nutrizionista? Quale differenza intercorre tra nutrizionista, dietologo e biologo?

Il biologo nutrizionista è un professionista che si occupa della determinazione ed elaborazione di profili nutrizionali per il singolo e per le collettività al fine di migliorarne lo stato di salute. Può suggerire o consigliare integratori alimentari, stabilendone le modalità di assunzione (Parere del Consiglio Superiore di Sanità 2011), si occupa di progetti di educazione alimentare e di sicurezza alimentare. La professione del Biologo nel settore della nutrizione umana è regolamentata da: Legge 396/1967, DPR 328/2001, DM n.362/1993. Egli valuta i fabbisogni nutritivi ed energetici dell’uomo e può: determinare una dieta ottimale individuale, in condizioni fisiologiche e per patologie accertate dal medico; determinare diete ottimali per mense aziendali, collettività, gruppi sportivi ecc…in relazione alla loro composizione ed alle caratteristiche dei soggetti; determinare diete speciali per particolari e accertate condizioni patologiche in ospedali, cliniche, case di riposo per anziani…

Il termine Nutrizionista è semplicemente un aggettivo che significa tutto e niente. Spesso quando ci si rivolge ad uno specialista dell’alimentazione sorgono alcune perplessità, poiché in tale ambito sono presenti 3 figure diverse (Medico Nutrizionista, Biologo Nutrizionista e Dietista). Spesso sono confuse ma sono figure che presentano un diverso percorso di studi ed una differente normativa di riferimento.

Il Medico Nutrizionista o Dietologo è un medico, laureato, quindi, in medicina e chirurgia, che si occupa, nello specifico, di nutrizione umana avendo frequentato e concluso la specializzazione in scienze dell’alimentazione. Il medico nutrizionista è l’unico professionista che esercita la facoltà di fare diagnosi, avvalendosi di tutti i presidi esistenti atti a tale scopo e prescrivere, oltre a diete (azione comune anche al biologo nutrizionista) anche i farmaci idonei al raggiungimento e al ripristino di condizioni di salute/benessere del paziente.

Il Biologo Nutrizionista in possesso di una laurea di 5 anni, iscritto alla Sez. A dell’Ordine Nazionale dei Biologi, può svolgere la professione in totale autonomia e firmare diete, consulenze nutrizionali e prescrivere integratori alimentari. In questo caso non è strettamente necessario l’aver frequentato una specializzazione in scienze dell’alimentazione anche se è consigliato, poiché solo la laurea non prepara idoneamente a svolgere la professione.

Il Dietista è un professionista sanitario in possesso di una laurea triennale (Facoltà di Medicina) che organizza e coordina le attività specifiche relative all’alimentazione in generale e alla dietetica in particolare; collabora con gli organi preposti alla tutela dell’aspetto igienico-sanitario del servizio dell’alimentazione; elabora, formula ed attua le diete prescritte dal medico o dal biologo e ne controlla l’accettabilità da parte del paziente (DM 2/4/2001 MIUR – G.U. n.128 del 5/6/2001 all.3, classe 3).

A livello nazionale, da tempo si registra un dilagare dell’obesità e dei disturbi alimentari soprattutto tra i più piccoli: qual è la situazione qui nel Salento?  Cosa suggerire ai genitori?

Purtroppo la Puglia e quindi anche il nostro Salento ha una percentuale di bambini ed adolescenti in sovrappeso e obesità tra le peggiori d’Italia, insieme a Campania, Lazio e Sicilia (Fonte Instat 2013). Ai genitori consiglio di insegnare ai propri figli i corretti principi alimentari, ambientali e scientifici sin dalla tenera età, sotto forma di gioco. Di non avere fretta: ogni bimbo ha i suoi tempi e i suoi gusti, basta rispettarli ed educarli! E soprattutto, di non avere timore a rivolgersi sia al Nutrizionista che allo Psicologo, un corretto approccio emotivo può essere risolutivo nei confronti dei più comuni problemi con il cibo.

Qual è la sua ricetta per star bene?

Ritornare un po’ a una cosa dimenticata: la saggezza! Le diete di moda fanno solo male. Diciamo che uno stile di vita attivo e un’alimentazione calibrata per le proprie esigenze, aiutano a prevenire le malattie della società del benessere come cardiopatie, obesità, diabete, ipertensione e via dicendo. Concludo con ciò che ritengo indispensabile e di primaria importanza: volersi bene! Rispettare quell’unico Corpo che ci è stato donato, ascoltare, in un intimo dialogo, i suoi segnali, vivere la Convivialità come stacco dalla routine e non come frustrazione, in poche parole, guardarsi allo specchio con un Sorriso e dirsi, quotidianamente “VIVA ME! PERCHÉ IO VALGO PIÙDI UN NUMERO!”

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleNovoli, il presidente Giovanni De Luca convoca le Commissioni Consiliari in seduta pubblica
Next articleLecce-Catania: presentazione e probabili formazioni