Novoli: Redi Hasa e Maria Mazzotta in concerto

0
58

REDI HASA E MARIANovoli (Le) – Appuntamento domenica prossima, 8 Novembre, alle ore 21.00, al teatro Comunale di Novoli, con Redi Hasa & Maria Mazzotta. URA, loro lavoro d’esordio, rientra nel Novoli Sounds good, la sezione musicale della rassegna PROLOGO D’AUTUNNO del Teatro di Novoli, organizzato grazie al Comune di Lecce, teatro Pubblico Pugliese, Factory compagnia transadriatica e Principio Attivo teatro.

I raffinati intrecci sonori e l’inaspettata ironia di Redi Hasa & Maria Mazzotta ci condurranno attraverso il mar Adriatico, tra Balcani, Carpazi e le regioni del Sud Italia. Fondamenta del repertorio sono infatti le storie del sud Italia e dei Balcani, delle genti della Vecchia Europa e dei migranti di ogni tempo e luogo che interpretano e ripropongono secondo il proprio sentire.

Vibrazioni che si snodano dalla pancia di un violoncello, frequenze liberate che sostengono e si fondono con la voce. Colori, sapori, profumi, luci e ombre dell’esistenza umana vengono trasformati in suono che coinvolge e in storia che ammalia, in emozione. Sperimentazione e improvvisazione sono strumenti dosati con saggezza per sentire l’appartenenza di un brano e imprimervi la propria personalità.

BIGLIETTI 

Novoli sounds good

Ingresso 7 euro

ORARI BIGLIETTERIA: la biglietteria del teatro resterà aperta il giorno dello spettacolo dalle 18.00 ad inizio spettacolo.

INFO: Teatro Comunale di Novoli (Le) Piazza Regina Margherita

Tel: 340.3129308 – 340.3769613 -327.7372824 – 320.0119048

mail : teatrocomunaledinovoli@gmail.com

web : www.teatropubblicopugliese.it

www.compagniafactory.com

www.principioattivoteatro.it

www.comune.novoli.le.it

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLecce: incontro sull’orientamento alla scelta universitaria
Next articleMafia e mafiosità, riscoprirsi parte di uno Stato per debellare l’antistato