“L’ora di tutti” per i primi quindici anni della compagnia teatrale Ghèfiura

0
236

Nella vita di ciascun uomo capita, almeno una volta, l’ora in cui dare prova di sé; arriva sempre per tutti… a noi pescatori di Otranto, l’hanno portata i Turchi.

LOCANDINA LORADITUTTILecce – Venerdì, 29 gennaio, ore 20.30,  il Teatro Politeama Greco di Lecce propone “l’ora di tutti”, una nuova sfida, una nuova avventura teatrale. Inizia così il quindicesimo anno per la compagnia  Ghèfiura Teatro del Salento, che, sempre nello spirito del confronto, si cimenta con questo nuovo lavoro. Una riduzione teatrale del capolavoro di Maria Corti ad opera di Alessandro Garofalo. Rappresentazione  inedita, particolarmente coinvolgente, ambientata ad Otranto e liberamente ispirata al suggestivo romanzo che dà vita all’epopea dei martiri d’Otranto.

Ghèfiura, dal greco “ponte”, cerca ancora confronti, nuovi allacci, nuovi legami con realtà arricchenti. In questa pièce infatti, la compagnia si avvale della collaborazione di professionisti, come il docente universitario, Prof. Emilio Filieri che curerà la presentazione letteraria del testo, l’attore Gino Cesaria, presente in diverse fiction della tv italiana che sarà la voce narrante della rappresentazione e ancora la musicista Prof.ssa Sabrina Liù Luciani che con la sua arpa celtica sottolineerà i passaggi più emozionanti dell’opera con le danze di Bernard Andrès. Ci si proietta nel futuro partendo dal passato, perché sono le radici che alimentano la crescita, animando una delle pagine più belle della storia salentina. Un affettuoso omaggio alla Terra d’Otranto ed in particolare a quel pezzo di storia, mai abbastanza valorizzata, in cui 800 salentini, a loro insaputa, per ironia di un tragico disegno, furono destinati ad essere eroi e martiri.

Info: 347 0000636 – 328 3113473

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleCon sciarpa, guanti e rastrello, Fare Verde a pesca … di rifiuti, anche a Casalabate
Next articleVilla Convento festeggia il suo Santo Patrono, Antonio Abate