Silvio e la “barzelletta” della visita fiscale

0
2389

 

Caro Silvio,

questa volta sono io a scrivere a Lei. Le elezioni sono ormai passate e non credo di fare torto a nessuno. Sono dispiaciuta e divertita allo stesso tempo. Ho letto nelle parole dei suoi avvocati sgomento e paradosso. Suvvia Cavaliere! Non trova questa storia della visita fiscale divertente come una delle barzellette che amava tanto raccontare?

“C’era una volta un imprenditore/politico soggetto a visita fiscale…” Non le viene da ridere? Una vita dedita alla politica e all’imprenditoria poi, alla veneranda età di 76 anni subisce una visita fiscale come un qualsiasi impiegato furbastro del comune di “Vattelapesca”?

Non se la prenda Presidente! Quaggiù dove viviamo noi comuni mortali, la sua vicenda è routine. Ci sono milioni di persone che ogni giorno subiscono umiliazioni dai propri datori di lavoro, altri non possono nemmeno prendere un giorno di malattia o rischiano di essere tacciati di assenteismo. Ci sono mamme che mandano i propri figli a scuola con la febbre perché prendere un giorno di permesso significa rischiare un giorno di lavoro. Eppure non hanno potuto raccontare e lagnarsi la loro umiliazione a nessun avvocato.

E poi non ha alcuna curiosità di vedere queste benedette aule di tribunale dove ogni giorno si generano “pettegolezzi” su di Lei?

In fondo, Presidente, di pettegolezzi si tratta oppure no? C’è chi dice che questa storia, tutto sommato, è l’ennesimo attacco alla figura di Berlusconi e che, la stessa situazione, vissuta da un comune cittadino avrebbe avuto esito diverso; il giudice avrebbe rinviato il tutto in attesa della guarigione dell’imputato.

Sicuramente questa storia è un paradosso ma me lo lasci dire Cavaliere: è troppo divertente!

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleI “100 Giorni”
Next articleIl viaggio di Vittorio … Restiamo umani