Eroi di un mondo che va a bit e non ad emozioni

0
1322

Realtà virtualeLa realtà virtuale che cos’è? O, per meglio dire, cosa era e cosa è diventata ?

Nata per simulare situazioni, ambientazioni in videogiochi, film o quant’altro, è diventata parola d’uso quotidiano in questi anni in cui, scrivania, sedia e PC hanno colonizzato ogni forma d’attività.

Si parla quotidianamente di questo termine, riferito ai social tipo Facebook o Twitter. Piattaforme tecnologiche nate per aggregare ma diventate con il tempo, uniche agorà d’incontro in cui, la maggior parte delle persone, s’inventa diversa da quella che è realmente.

Fa specie e fa riflettere sugli investimenti che molte aziende fanno in questi “contenitori”; oramai siamo monitorati a 360° sui nostri usi e costumi. E fin qui potrebbe anche andare bene …

È preoccupante, però, come questi social sostituiscano, oramai, il dialogo faccia a faccia, il confronto costruttivo senza Wikipedia accanto. È d’uso comune scriversi e lamentarsi su fb, mandare a dire con twett o con un post ciò che andrebbe detto vis a vis.

Non c’è nulla di più bello del saper ascoltare e dell’essere ascoltati, perdendosi negli occhi e nella mimica altrui, non c’è nulla di più positivo del dire: quella persona mi piace oppure no, dopo averla realmente conosciuta.

Gattini che diventano leoni dietro ad uno schermo, gridano e inneggiano rivoluzioni e ambiscono ad essere gladiatori dell’arena del film con Crowe.

E poi?

Poi, dal vivo, hanno difficoltà a mettere in croce quattro parole. Questo è uno degli effetti collaterali di questo tempo, questo è uno dei dolori di cui soffrirà domani la società.

Ricordiamo con affetto il passato. C’era un tempo in cui da piccolini o da giovani ci emozionavamo e diventavamo rossi quando qualcuno ci diceva “mi piaci”, ora invece non si usa più o per essere ottimisti si usa di rado. Oggi esiste il “Mi piace” cliccando su un mouse o su uno schermo touch, e tutti lì ad aspettare conferma. 

Cambiano i tempi, cambiano i miti e non ci sono più gli eroi, anzi, oggi siamo tutti eroi di un mondo che va a bit e non ad emozioni.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLe mostre fotografiche della 14° ed. del Festival del Cinema Europeo. Omaggio a Francesca Neri e Aki Kaurismaki.
Next articleQuanto vale la vita dell’uomo?