Trasporti Salento, Pagliaro (FI): “Raccolta firme sul web? Risposta della comunità a politica sorda”

0
267

Paolo Pagliaro Forza ItaliaLecceUna giovane salentina lancia una raccolta firme sul web per i trasporti da sempre da terzo mondo nel nostro territorio. Come è bello quando si fa cittadinanza attiva, peccato che la situazione sia nota da anni e le istituzioni completamente sorde alle richieste della nostra comunità”. Lo dichiara Paolo Pagliaro, dell’Ufficio di Presidenza di Forza Italia.

“Il Salento – prosegue – rischia sempre di più la desertificazione della rete dei trasporti e i cittadini sono costretti a subire incredibili disagi. Dai treni agli autobus, scandali e disservizi. Qui, nel tacco d’Italia, non ci facciamo mancare niente. C’è stato persino un manager di una società che si sarebbe dovuta occupare dei servizi di mobilità da noi, eppure era “romanobaricentrico” e nessun salentino lo conosceva. Una lontananza dal territorio di personaggi invisibili che, così, hanno potuto gonfiarsi le tasche con un senso di assoluta irresponsabilità. Per questo ci vorrebbero centri di governo più ristretti ed è per questo la riforma del neoregionalismo e qui da noi la Regione Salento era ed è l’unica possibilità di riscatto e di sviluppo sotto tutti i punti di vista. Il federalismo liberale con una forte spinta autonomista degli enti locali eliè una ricetta attuale, una risposta precisa non solo alla mala gestio di alcuni, ma anche alla richiesta forte di servizi dignitosi da parte dei cittadini. Ma nessun eletto salentino nelle istituzioni si fa realmente carico della battaglia. E ci pensano soltanto i cittadini perbene – conclude Pagliaro – stanchi di essere considerati di serie  “b””.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLa Fondazione “Con il Sud” a Lecce per ricordare Renata Fonte, assassinata a Nardò nel 1984
Next articleLeverano, arrestato 23enne ladro seriale