Intesa fra Comune di Lecce e Polo bibliomuseale. Una interpellanza di Gianmaria Greco (Prima Lecce/Andare Oltre)

0
55

Lecce – La giunta comunale, con delibera n. 93 del 17 aprile 2020, ha approvato il  “Protocollo di intesa tra Comune di Lecce e Polo Biblio – Museale di Lecce (articolazione territoriale della Regione Puglia) per favorire iniziative di raccordo ed interlocuzione fra le strutture culturali rispettivamente gestite e coordinare ed integrare le reciproche azioni ed iniziative. Approvazione schema.”

“Alla luce delle dichiarazioni del Sindaco e dell’amministrazione – scrive in una nota alla Stampa, il consigliere di minoranza Gianmaria Greco (Prima Lecce / Andare Oltre) –  si evince un rafforzamento della partnership con la Regione Puglia, ma non si comprendono le dinamiche che determineranno tale rapporto.

Greco, dunque, ha proceduto a protocollare una interpellanza per conoscere, nel dettaglio cosa si intenda per “offerta coordinata ed integrata dei beni culturali e monumentali cittadini”, quali siano le strategie di valorizzazione, quali le forme di condivisione con enti ed associazioni, quale sia la collaborazione con enti ed istituzioni nazionali ed internazionali paventata dall’assessore alla Cultura è già attiva da tempo, in cosa consisteranno queste nuove forme di cooperazione, da chi sarà composto il comitato di coordinamento ed a quali costi, chi si occuperà della custodia delle strutture oggetto del protocollo (se continuerà ad occuparsene Lupiae Servizi o saranno individuati altri interlocutori) ed, infine, se è stato avviato un confronto con i rappresentanti dei lavoratori prima di deliberare e sottoscrivere l’accordo.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleRiflessi nell’anima – 26 aprile 2020: terza Domenica di Pasqua
Next articleConsiglio Provinciale, Alba Service trasformata in SRL. In apertura, il ricordo commosso di Rocco Merico