Consiglio Provinciale, Alba Service trasformata in SRL. In apertura, il ricordo commosso di Rocco Merico

0
73

Lecce – Un commosso minuto di silenzio, e il successivo applauso, hanno aperto la seduta odierna del Consiglio provinciale di Palazzo dei Celestini, che si è svolta in video conferenza su piattaforma Cisco Webex Meetings.

Ad avviare l’incontro è stato il presidente Stefano Minerva, collegato dalla sala consiliare: “Iniziamo questo Consiglio provinciale, strano per le modalità con cui lo stiamo tenendo, organizzato col supporto della tecnologia. Tutti ci approcciamo a questa seduta con un dolore immenso, non solo per le condizioni che stiamo vivendo a causa del coronavirus, ma soprattutto perché, come Provincia di Lecce, siamo stati purtroppo duramente colpiti dall’aggressività di questa malattia che, nonostante tutti gli sforzi, ci ha portato via una delle colonne portanti, un dirigente straordinario, una persona più che per bene. Non sarà più uguale: oggi, pensare che l’ingegnere Rocco Merico non sia più con noi è qualcosa che non riusciamo a comprendere. Come atto di vicinanza a lui, nonostante questa modalità particolare di Consiglio provinciale, chiedo un minuto di silenzio in memoria della grande persona che è stata”.

Al centro della seduta la discussione e poi l’approvazione all’unanimità della revoca dello stato di liquidazione e trasformazione di Alba Service Spa in società a responsabilità limitata. Oltretutto questa delibera, è stato ricordato, è stata seguita e portata avanti anche da parte dello stesso dirigente Merico. Per il 29 aprile è stata già convocata l’assemblea straordinaria che provvederà alla trasformazione effettiva in società a responsabilità limitata, alla costituzione del capitale sociale e all’approvazione del nuovo  Statuto.

Il Consiglio odierno era stato preceduto dall’approvazione del bilancio della Società, che registra – per la prima volta dal 2014 – un patrimonio netto nuovamente in attivo pari ad 11.627 euro, somma che deriva da una compensazione tra quello che era il patrimonio netto sottratte le perdite che erano state accumulate negli anni, come ha precisato il dirigente ai Servizi Finanziari Pantaleo Isceri nella sua relazione.

“Dopo un lungo periodo di incertezza, nelle prossime settimane entrerà nel vivo la fase di rilancio della società Alba Service, con l’impegno di immaginare soluzioni praticabili che possano portare il personale alla massima occupazione”, ha evidenziato il presidente Minerva che, a margine del voto, ha tenuto a ringraziare la struttura tecnica dell’Ente e il commissario liquidatore Gianfranco Conte per “lo straordinario lavoro profuso, consentendo all’Ente provinciale di raggiungere un risultato storico“. È emozionante essere qui, da Presidente della Provincia, a presiedere la seduta di oggi. Un pensiero ai Consiglieri, al Capo di Gabinetto, allo Staff e a tutti i componenti dell’ufficio di presidenza che mi sono stati accanto”.

“Ogni consigliere deve essere orgoglioso di aver preso parte al voto di salvataggio di questa partecipata. Siamo protagonisti di una svolta epocale e lo siamo tutti, ognuno con il suo ruolo”.

“Un pensiero anche e soprattutto a tutti i lavoratori della società che non hanno mai perso la speranza. E’ a loro che rivolgo il ringraziamento più grande e l’invito a continuare a credere nel lavoro della Provincia di Lecce per il futuro”, ha concluso il presidente.

Presenti alla seduta tutti i consiglieri provinciali, che hanno dato vita ad un ampio dibattito, il segretario generale Angelo Caretto e il direttore generale Gianni Refolo. Discussi, poi, e approvati anche alcuni debiti fuori bilancio.

La pubblicità della seduta odierna sarà garantita mediante pubblicazione sul sito istituzionale della Provincia di Lecce (www.provincia.le.it) della registrazione audio video della riunione.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleIntesa fra Comune di Lecce e Polo bibliomuseale. Una interpellanza di Gianmaria Greco (Prima Lecce/Andare Oltre)
Next articleIl ricordo di Nicola Arigliano in un grande evento internazionale