Il centrosinistra squinzanese non allineato ha deciso di Prendere Posizione

0
1137

associazione prendi posizioneSquinzano (Le) Nello stagnante mare del centrosinistra Squinzanese, sembra che qualcosa si stia muovendo nell’area di centrosinistra locale. Tra i promotori della costituzione di quello che potrebbe sembrare l’ennesimo tentativo di occupare uno spazio ormai da tempo lasciato vuoto dal PD locale l’avvocato Antonio Picci, esponente storico dell’area progressista locale, già assessore nella giunta di Michele Maggio, che ci ha inviato quanto segue:

“Il giorno 21 giugno u.s., alla presenza del presidente provinciale Alessandro De Matteis, si è tenuta nella nostra città l’assemblea costitutiva dell’ associazione politica “Prendi Posizione”.

L‘associazione,  che nasce dall’iniziativa di uomini, donne e giovani vicini alle posizioni del consigliere regionale Sergio Blasi, è aperta al contributo di tutti quei cittadini che, indipendentemente dai tradizionali riferimenti e/o appartenenze politiche all’interno del centro sinistra,  vogliano partecipare attivamente allo studio,  all’approfondimento ed al dibattito, che sarà cura dell’associazione promuovere costantemente, sulle tante problematiche del territorio del nord salento in generale e di quello squinzanese in particolare, “prendendo posizione” chiara ed inequivocabile come nello stile di chi l’ha fondata a livello provinciale.

Il  ripristino dei canali di dialogo e di confronto con i cittadini sui loro reali problemi oggi si rende necessario alla luce della crisi di credibilità della tradizionale forma partito verso cui fasce sempre più larghe della popolazione manifestano disinteresse  ed avversità aprendo spazi  a forze o movimenti di discutibile impostazione democratica.

Questa esigenza è ancor più sentita nella nostra cittadina dove la riduzione della capacità di confronto delle forze del centro sinistra con la cittadinanza e con i propri militanti si è tradotta in questi ultimi anni in una progressiva restrizione  dell’iniziativa politica che pone a serio rischio di marginalità nella società squinzanese il riferimento ai tradizionali valori della solidarietà, della trasparenza e della legalità che da sempre costituiscono il patrimonio culturale proprio del centro sinistra.

L’associazione, superata la prima fase di organizzazione interna e di consolidamento, intende avviare la propria attività attraverso una serie di iniziative che saranno rese pubbliche in tempi brevissimi”.