Emergenza Coronavirus, Luigi Ratano (Collegio dei Geometri): “Perché la Regione Puglia non aiuta i professionisti come in Campania e Basilicata?”

0
79

Lecce – La Regione Campania e la Regione Basilicata aiutano i liberi professionisti in difficoltà con un contributo a fondo perduto una tantum di mille euro. Perché in Puglia non si fa altrettanto? Se lo chiede il presidente del Collegio Geometri di Lecce, Luigi Ratano, che ha scritto ai rappresentanti politici pugliesi (di tutti i partiti) per chiedere il loro intervento, affinché anche in Puglia si possa adottare la stessa misura di sostegno destinata in Campania e in Basilicata ai liberi professionisti in quanto «categoria produttiva fortemente danneggiata sotto il profilo economico dall’emergenza Covid-19 per la sospensione e la riduzione della loro attività».

L’intervento è finalizzato a massimizzare sul territorio regionale le misure già adottate dal Governo nazionale con il decreto “Cura Italia”. Per accedere al contributo ‘una tantum’ sono richiesti l’iscrizione all’albo professionale ed alla relativa cassa previdenziale o alla gestione separata Inps in assenza di cassa; inizio attività prima dell’1 gennaio scorso; sede o studio sul territorio della regione di riferimento; assenza di iscrizione ad altra forma di previdenza obbligatoria; reddito complessivo inferiore a 30mila euro nel 2018 (nel caso della Basilicata) e un fatturato inferiore a 35 mila euro per il 2019 (nel caso della Campania).

«Sarebbe un aiuto importante – conclude Ratano – per tanti professionisti pugliesi, in un momento eccezionale e difficile come quello che stiamo attraversando. Mi auguro che il presidente Emiliano possa adottare quanto prima lo stesso provvedimento».

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleMassimo Bray (Treccani): “Serve un MES dedicato alla cultura”
Next articleNovoli, “opposizione sfascia carrozze”. L’ Assessore D’Ambrosio: “Il cittadino ha espresso il suo libero pensiero”