Torre Lapillo, precipita aliante a motore nei pressi di uno stabilimento balneare

0
1588

ParamotoreTorre Lapillo (Le) – Alla fine l’episodio è più che altro curioso (a parte le conseguenze giuridiche per il responsabile), ma ieri sera, nel tardo pomeriggio, a Torre Lapillo, frazione di Porto Cesareo, si è sfiorato l’incidente serio. Protagonista, un “paramotore”, ossia un’attrezzatura da parapendio dotata di motore, che è precipitato sulle spiagge di quella località.

Poco prima delle 20 alcuni avventori di uno stabilimento balneare avevano notato le evoluzioni di quel velivolo, e soprattutto quelle effettuate a bassa quota. Dopodiché, il paramotore era addirittura precipitato nello specchio di mare antistante lo stabilimento, a circa dieci metri dalla riva, con intuibile pericolo per i bagnanti che si trovavano nei pressi. Nessun problema, per fortuna, per loro e anche per il conduttore che ha provveduto a recuperare tutta la sua attrezzatura e ad allontanarsi verso l’abitato. L’uomo non immaginava, forse, che qualcuno dei presenti avesse allertato la Guardia Costiera – Ufficio Locale Marittimo e i Carabinieri della Stazione di Porto Cesareo, che sono intervenuti sul posto e hanno avviato le ricerche.

L’interessato, un professionista quarantenne leccese, è stato poi rintracciato, nei minuti successivi, per le vie di Torre Lapillo, mentre stava caricando la sua attrezzatura sulla propria vettura, insieme a una seconda persona risultata estranea ai fatti.

Stando ai primissimi accertamenti, il paramotore si sarebbe levato in volo dalle campagne attigue alla s.p. 359 Nardò-Avetrana. La posizione dell’uomo è ora al vaglio degli inquirenti per la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce: la sua condotta, infatti, avrebbe violato il disposto dell’art. 1231 Codice di Navigazione (“Inosservanza di norme sulla sicurezza della navigazione”), nonché l’ordinanza sulla balneazione nr. 32/2015, emessa dalla Capitaneria di Porto di Gallipoli, che vieta qualsiasi volo su località turistiche-balneari: a tal proposito, l’unica località aperta al “volo libero” (deltaplani, monoplani) è quella di San Cataldo. Il paramotore è stato invece sottoposto a sequestro. Le indagini sono condotte congiuntamente dalla Stazione Carabinieri e dall’Ufficio Locale Marittimo – Guardia Costiera di Porto Cesareo.

Paisemiu è una finestra che permette al lettore di affacciarsi ogni giorno sulle notizie del Salento per sapere cosa accade intorno a noi. Un web giornale che vuole rendere partecipi i propri lettori, che vuole entrare nelle loro case e chiedere loro con quali problemi devono convivere ogni giorno, quali le ingiustizie che devono ingoiare senza che nessuno dia loro voce. A questo dovrebbe servire il “quarto potere”, a dar voce a chi non ne ha, facendo da tramite tra i cittadini e le pubbliche amministrazioni spesso poco attente alle esigenze della comunità. Auspichiamo quindi di diventare non solo il vostro punto di riferimento nell’informazione quotidiana ma, soprattutto, il megafono dei cittadini per rendere loro un vero e proprio servizio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore scrivi un commento valido!
Inserisci il tuo nome qui

Convalida il tuo commento... *

CONDIVIDI
Previous articleLasagne di peperoni con pane carasau
Next articleRegione Puglia, Emiliano presenta la sua squadra