Novoli, STOP ai bus sovraffollati

0
659

BusNovoli (Le) – “Uomo avvisato, mezzo salvato”, così recita un vecchio proverbio … E, come si suol dire, il “verbo” degli antichi non sbaglia mai.

Tant’è che stamane, intorno alle 7.30, al comando del Ten. Raffaele Paladini, i Vigili Urbani di Novoli hanno dato luogo ad una serie di controlli del traffico automobilistico. Nell’ambito di questa attività, la Polizia Locale ha proceduto a stoppare, controllare ed elevare contravvenzioni a due pullman risultati sovraccarichi (oltre 30 passeggeri in più rispetto al numero legale consentito).

“L’episodio non è un caso isolato”, spiega un giovane studente rimasto appiedato. D’altronde, sono oltre 20 anni che il problema persiste e, nonostante le reiterate proteste di abbonati ed Istituzioni, nulla è stato risolto, anzi, si direbbe che la situazione è solo peggiorata. Nel frattempo, il costo degli abbonamenti è stato maggiorato mentre la qualità del servizio erogato ha conosciuto una parabola discendente fino ai giorni nostri, allorquando se un autista dovesse dichiararsi ammalato, ci sarebbe pure il rischio di non garantire il normale svolgimento delle corse giornaliere.

C’è da chiedersi, dunque, se sui mezzi pubblici in circolazione vengano rispettate le norme di sicurezza. 

Paisemiu.com più volte si era occupato del caso, ponendo alle autorità competenti quesiti specifici circa le possibili soluzioni e chiedendo di cooscere i come l’azienda FSE intendesse sovvenire alle necessità degli utenti.

Lo stesso Sindaco di Novoli, dr. Oscar Marzo Vetrugno, insieme al Comandante Raffaele Paladini, avevano, nei giorni scorsi, segnalato il disagio alla Direzione delle Ferrovie Sud-Est, facendosi latori dei malumori di quei genitori costretti a provvedere al trasporto dei figli a scuola, attese le inadempienze del servizio pubblico.

Nell’unica risposta pervenuta (peraltro non in forma scritta ma telefonicamente), la Sud-Est ha riferito che la situazione era monitorata ed ha chiesto di pazientare fino a quando l’orario scolastico non sarebbe stato definitivo così da pianificare le attività e stabilire il numero di mezzi che sarebbero stati utilizzati dagli studenti.

Ovviamente, tale risposta, non sembra aver soddisfatto le autorità novolesi che, stamane, hanno provveduto a verificare e sanzionare le infrazioni, preoccupandosi anche di giustificare a Scuola gli alunni giunti in ritardo mediante un documento redatto e sottoscritto dallo stesso Comandante, Raffaele Paladini. 

Sul quanto accaduto è intervenuto anche il consigliere Giovanni De Luca, oggi presidente del neonato circolo “Prima l’Italia”, riferendo che da anni segue con attenzione questa inadempienza da parte della Sud-Est e che si sta attivando per chiedere un incontro urgente con la direzione FSE e con l’Assessore Provinciale ai Trasporti.

Intanto, negli ultimi 4 mesi, a Novoli sono state elevate oltre 400 contravvenzioni. Frutto di un assiduo e proficuo controllo del territorio perché, il rispetto della legalità, oltre ad essere una premessa culturale indispensabile, si pone come un sostegno operativo quotidiano, perché solo un’azione di lotta radicata saldamente nelle coscienze e nella cultura dei cittadini, potrà acquisire caratteristiche di duratura efficienza, di programmata risposta all’incalzare del fenomeno dell’illegalità.

{loadposition addthis}