Carceri pugliesi al limite del tracollo. Da oggi al via il nuovo polo di osservazione psichiatrica nel penitenziario leccese di Borgo San Nicola

0
174

Non desistono gli agenti della Polizia Penitenziaria aderenti all’OSAPP che tornano a far sentire la loro voce in occasione dell’apertura, a Lecce, del nuovo polo di osservazione psichiatrica presso la struttura un tempo destinata ai semiliberi.


Pasquale Montesano, Segr. Gen. Aggiunto OSAPP

Lecce – La protesta pacifica organizzata dall’OSAPP (Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria) della Puglia nei giorni scorsi (11 e 12 settembre) continua anche in questi giorni in occasione dell’apertura, come previsto, di una nuova sezione detentiva destinata all’osservazione di soggetti bisognosi di attenzioni particolari, il tutto con buona pace della Regione Puglia e del Dipartimento ministeriale di via della Pisana a Roma.

“La Puglia – dichiara il Segretario Generale Aggiunto OSAPP, Pasquale Montesanorisulta essere la regione più sovraffollata d’Italia per quanto attiene la popolazione detenuta, con un eccedenza del 38,6% equivalente a 1100 detenuti in più sui 2347 posti disponibili”.

A tal proposito non è ultroneo rilevare, infatti, che alla Puglia si affiancano Friuli Venezia Giulia (+39,8%), Molise (+28,5%), Liguria (+26,8%) e Basilicata (+21,6% )i.

“Sempre rispetto alla regione Puglia – sottolinea ancora Montesano – risulterebbe sussistere nell’organico della Polizia Penitenziaria una carenza di almeno 300 unità pari al 10,12% in meno, con punte di diamante riferibili agli istituti di Taranto (-16,4%) e di Lecce (-11,4%)”.

“È assai significativo – insiste il Segretario generale aggiunto OSAPP – come vadano a braccetto negli istituti penitenziari della regione Puglia i dati della carenza di organico nel personale di Polizia Penitenziaria afferenti agli istituti di Taranto, Lecce ed anche Foggia con quelli del sovraffollamento della popolazione detenuta (Lecce +47,11%, Taranto +49,3%, Foggia +42,9%) che, sinergicamente, agiscono in termini di maggiori aggressioni e rischi per il personale del corpo. Altrettanto significativa l’impotenza degli organi politici di governo e dell’Amministrazione centrale e periferica, interessati pressoché esclusivamente al benessere della popolazione detenuta, a porre in essere qualsiasi correttivo inteso a migliorare condizioni al limite di ogni umana sopportazione e che si verificano negli istituti pugliesi”.

L’apertura del Polo Psichiatrico a Lecce, struttura che per la sua funzionalità necessiterebbe di un impiego di almeno 40 unità di polizia penitenziaria in più e che, facile presumerlo, saranno  attinte dalla Casa Circondariale o dalle varie articolazioni della regione è, insomma, una ulteriore dimostrazione del disastro penitenziario .

“Una situazione ormai drammatica e apparentemente senza via d’uscita – conclude Pasquale Montesano-. L’OSAPP non desiste e continuerà a denunciare i gravi disagi cui sono sottoposti gli agenti ritenendo irrisorie le misure adottate dal DAP (il Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) per le evidenti incapacità gestionali di chi è deputato ad assumere le decisioni. Per questo e molto altro ancora diciamo NO all’apertura del Polo di Osservazione Psichiatrica a Lecce in assenza di concreti invii di personale Polizia Penitenziaria, e non escludiamo un ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’uomo”.